Ideas Powered a tutela della proprietà intellettuale

copyright concept with green button on computer keyboard

Data importante per i giovani innovatori e inventori europei. Oggi è stato inaugurato il primo sito web interattivo a livello continentale dedicato ai giovani e alla proprietà intellettuale. Il sito Ideas Powered, sostenuto dall’Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI) in collaborazione con l’Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, raccoglie i contributi di giovani designer, compositori, imprenditori e artisti, con l’obiettivo di dimostrare che la PI è fondamento e sostegno per l’innovazione e la creatività.

“Questo sito web dà seguito al nostro studio del 2013 ed è basato sui risultati che ne sono emersi”, ha dichiarato il presidente dell’UAMI, António Campinos. “L’obiettivo è quello di offrire un nuovo punto di vista sulla proprietà intellettuale, presentando contributi di giovani europei che si avvalgono della PI per sostenere le loro imprese, tutelare i loro mezzi di sussistenza, i loro hobby e i loro interessi”.

In un’era fatta da brevetti, startup e piccole imprese formatesi dal basso, il tema della proprietà intellettuale è importante; ma molto spesso sottovalutato dagli stessi giovani: lo certifica il sondaggio realizzato da UAMI nel 2013: otto europei su dieci di età compresa tra 15 e 24 anni ritenevano che l’acquisto di prodotti contraffatti avesse un effetto economico negativo, e due terzi hanno concordato che il download illegale costituisca una minaccia per l’economia e l’occupazione. Tuttavia, il 50% ha giustificato l’acquisto di prodotti contraffatti come un atto di protesta o come un acquisto intelligente e il 57% considerava accettabile accedere illegalmente a contenuti protetti da copyright per uso personale.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema, in occasione del sito, avvenuta oggi alle 11, è stato presentato anche un concorso video, con gli under 24 europei chiamati a condividere video che illustrino le loro idee originali e i loro progetti, dimostrando il valore della proprietà intellettuale e l’importanza di rispettarla.

Lascia un commento

Top