Ict: solo l’1,37% del fatturato dedicato alle risorse informatiche delle imprese

ictbenchmark_logo_v11

Ict: solo l’1,37% del fatturato dedicato alle risorse informatiche delle imprese con alcune differenze in base all’area di riferimento, dall’1,55% del Sud all’1,28% del Nord-Ovest, ma resta lontano dalla media europea del 3,6%.

Il budget Ict più alto è prerogativa del settore finanza e assicurazioni, dove si assesta all’1,73%, mentre fanalino di coda è l’agricoltura, poco sotto l’1%. Anche il numero di dipendenti che si occupano di informatica è molto limitato, pari al 2,37% del totale, un valore che sale fino al 2,93% nei servizi e scende all’1,42% nel settore agricolo. Le principali priorità di investimento Ict delle imprese italiane sono la sicurezza informatica, lo storage, il rinnovo del parco desktop/notebook/tablet, la conservazione digitale e l’ERP.

Questi dati sono il risultato di ICTBenchmark.it, un tool online dedicato ai responsabili Ict e dell’innovazione digitale che ha l’obiettivo di offrire la possibilità di costruire un confronto aggiornato sui principali indicatori che definiscono le prestazioni, le potenzialità e i modelli di governance dell’Ict nelle imprese italiane. Lo strumento viene costantemente aggiornato, in modo anonimo, per incrementare periodicamente il campione empirico su cui si effettuano i confronti. Le analisi del tool si basano su un ampio e rappresentativo numero di rilevazioni, crescente e aggiornate nel tempo. All’interno è possibile segmentare l’analisi in base ad alcuni filtri (settore, area geografica, dimensione di fatturato, numero di dipendenti), per affinare ulteriormente il benchmark.

ICTBenchmark.it è un’iniziativa del gruppo DIGITAL360 , leader in Italia nell’offerta B2B di contenuti editoriali, servizi di comunicazione e marketing, lead generation, eventi e webinar, advisory, advocacy e coaching, nell’ambito della Trasformazione Digitale e dell’Innovazione Imprenditoriale. “Il valore dei budget dedicati all’Ict sul totale fatturato delle aziende rappresenta un indicatore importante per capire la propensione all’innovazione di un intero sistema”, evidenzia Andrea Rangone, ad del gruppo Digital360. “Per Stati Uniti e Europa questo valore pesa dal 2,5% al 4%, molto superiore al valore in Italia. Nel nostro paese permane una sorta di paralisi strutturale: fanalino di coda tra i Paesi industrializzati per investimenti nel digitale, l’Italia non riesce a uscire dal circolo vizioso che, per carenza di innovazione, porta ad un progressivo declino di crescita e competitività”.

Lascia un commento

Top