Haamble, la app italiana sogna gli Usa

Erano partiti con l’idea di sviluppare le potenzialità turistiche italiane, con una app semplice, intuitiva e in grado di coinvolgere 30 milioni di persone. Ora, però, Haamble valica i confini nazionali.

L’app, vincitrice di AppCampus e incubata nel programma BizSpark di Microsoft, presto approderà sui mercati europei e americani, cercando di laurearsi come il primo urban social network a livello mondiale.
Nel corso del 2015, la copertura sarà estesa ai principali paesi europei, come Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, per passare poi agli Stati Uniti ed al Brasile entro il 2016.

E la base sarà quella che ha portato al successo italiano: l’idea è di geolocalizzare gli utenti della app, rendendoli visibili su un radar insieme ai luoghi più interessanti da visitare e gli utenti più vicini.
Così si potranno avere recensioni in tempo reale sulla bellezza di un monumento, sullo stato di un museo, sulla qualità di un ristorante o di un locale.

Un sistema che consente anche lo sviluppo di attività di proximity marketing. Non a caso, infatti, due fondi di investimento sono entrati nel capitale sociale.

Lascia un commento

Top