Guido Bardelli nominato Presidente della Consulta di Milano

Guido Bardelli nominato Presidente della Consulta di Milano, organo consultivo della Camera di Commercio di Milano che ha come obiettivo di fornire indicazioni su turismo, cultura, giovani, start-up, ambiente e innovazione.

​E’ nata la Consulta della città di Milano dopo quelle, già insediate, di Lodi e Monza, che darà indicazioni su marketing territoriale, turismo e cultura, giovani, orientamento al lavoro, start up, ambiente e mobilità, innovazione e cultura digitale. La Presidenza della Consulta della città di Milano è stata affidata a Guido Bardelli, membro di giunta della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi. “Nella Camera di commercio, la Consulta della città di Milano, insieme alla Consulta di Monza e Brianza e alla Consulta del Lodigiano, hanno lo scopo di valorizzare le specificità dei tre distinti territori, dopo l’accorpamento avvenuto il 18 settembre 2017 tra le tre Camere di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi. Compito delle Consulte, organismi consultivi, è quello di portare all’attenzione del Consiglio della Camera di commercio le istanze specifiche dei territori, con lo scopo di contribuire a definire i tratti unitari della nuova realtà e per l’elaborazione del Programma Strategico Pluriennale”, ha detto Bardelli.

I componenti della Consulta di Milano, designati dalle associazioni ed organizzazioni presenti nel Consiglio della Camera di commercio, sono: Alessandro Rota (agricoltura), Stefano Binda (artigianato), Paolo Ferrario (artigianato), Mauro Granvillani (credito e assicurazioni, Attilio Dadda (cooperative), Simona Pigini (consumatori), Jorge Torre (sindacati), Fiorella Castellucchio (professionisti), Nicolas Rigamonti (commercio), Enrico Maurizio Naro (turismo), Andrea Cappa (trasporti e spedizioni), Giorgio Spadoni (trasporti e spedizioni), Giovanni Baldi (servizi alle imprese), Giansalvatore Latella (industria), Riva Paolo Vittorio Riva (industria). Componenti di diritto della Consulta sono, inoltre, i membri del Consiglio della Camera di commercio.

Lascia un commento

Top