Studenti a gara di mediazione

C’è chi la chiama mediazione, chi capacità di lavorare in gruppo, chi leadership cooperativa. La sostanza è che la capacità di gestire le situazioni di contrasto, in qualunque ambito della propria vita, è un aspetto fondamentale anche sul luogo di lavoro.
Per questo motivo l’Università Statale di Milano e l’ente camerale del capoluogo lombardo (attraverso l’azienda speciale Camera Arbitrale) hanno organizzato giovedì 19 e venerdì 20 febbraio una gara di mediazione, che vedrà confrontarsi una quarantina di studenti provenienti dagli atenei di tutta Italia.

La gara, giunta al terzo anno, si svolgerà giovedì 19 febbraio 2015 (presso l’Università Statale di Milano, ore 14, via Festa del Perdono 7) e venerdì 20 febbraio 2015 (presso la Camera di Commercio di Milano, ore 10, via Meravigli 7) e vedrà la partecipazione di universitari di Bergamo, Bologna, Camerino, ECampus, Genova, LUM Casamassima (Bari), Milano Bicocca, Milano Cattolica, Milano Statale, Parma, Pavia, Piacenza Cattolica, Sassari e Trento.

LA FORMULA – Ciascun ateneo può schierare una sola squadra composta da un minimo di 2 ad un massimo di 4 studenti. I team sono chiamati a sfidarsi in una serie di mediazioni simulate, con lo scopo di dimostrare le capacità dei propri rappresentanti a negoziare le controversie in modo cooperativo ed efficace. Nel corso di ogni mediazione, gli studenti impersonano parti e avvocati coinvolti in una controversia. Gli incontri si svolgono davanti a un mediatore professionista esperto e ad altri due mediatori che opereranno in veste di giudici. A loro il compito di stabilire chi sia stato il negoziatore più efficace.

Lascia un commento

Top