Firenze: 64 telecamere per la sicurezza dei monumenti

Firenze c

Telecamere intelligenti per la sorveglianza e il controllo di sei importanti piazze monumentali di Firenze e del suo prezioso patrimonio storico. E’ il progetto di videosorveglianza messo a punto da Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Canon Italia, Comune e Prefettura che ha coordinato l’operazione attraverso il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Il progetto interessa le piazze Duomo, Signoria, Santo Spirito, Santa Croce, Santissima Annunziata, Santa Maria Novella nelle quali saranno collocate 64 telecamere, tra fisse e mobili, collegate alle centrali di emergenza di vigili urbani e forze dell’ordine. La giunta comunale ha dato via libera all’operazione che richiederà alcuni mesi per l’espletamento delle procedure amministrative e tecniche. Le apparecchiature di controllo e di riconoscimento sono fornite da Canon Italia all’Ente Cassa per uno scopo che ha un’alta valenza sociale e culturale. E’ nato per rispondere all’esigenza sollevata dalla Presidenza del Consiglio in merito al programma di attività sui temi di sicurezza e cultura ed ha l’obiettivo di introdurre sul territorio nuove tecnologie che aiutino le forze dell’ordine ad aumentare la percezione di sicurezza del cittadino e, al contempo, a trovare nuove strade per tutelare il patrimonio artistico. L’operazione ha messo in campo risorse pari a 483.000 euro tra Ente Cassa, Comune e Canon Italia.
Le nuove telecamere fanno parte del piano cittadino delle telecamere che riguarda l’arrivo di 350 nuovi apparecchi fra quest’anno e il 2018 con il quale la città raddoppiare la dotazione di telecamere presenti in città che, a oggi, ammonta a 286.
’Questo intervento”, ha detto il presidente Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Umberto Tombari, “è emblematico del nuovo ruolo della Fondazione che vuole essere sempre più un attrattore di risorse per il territorio oltre a co-protagonista e co-ideatore di quei progetti di alta qualità nei quali convergono una pluralità di attori che portano ciascuno il proprio contributo con un obiettivo comune”.

Lascia un commento

Top