Festival della Crescita a Venezia il 23 e 24

crescita

Serge Latouche non è stato invitato per venerdì 23 e sabato 24 settembre in occasione della tappa veneziana del Festival della Crescita che prevede uno speciale programma dedicato all’arte e alla cultura con i protagonisti dello sviluppo e dell’innovazione culturale al Teatrino di Palazzo Grassi. 

Il portabandiera della decrescita felice – quella corrente di pensiero politico,economico e sociale favorevole alla riduzione controllata, selettiva e volontaria della produzione economica e dei consumi, con l’obiettivo di stabilire relazioni di equilibrio ecologico fra l’uomo e la natura, nonché di equità fra gli esseri umani stessi – vedrebbe come fimo negli occhi chi come Future Concept Lab ha ideato e progettato questo Festival che ho come obiettivo principale quello di creare un circolo virtuoso tra i protagonisti della crescita e dello sviluppo.

“L’arte di innovare” è il tema di un excursus che si farà a Venezia tra esperienze di arte, design e cultura contemporanea, spaziando dalle best practice per garantire accessibilità e crescita ‘senza frontiere’ (fisiche, culturali e generazionali), fino alle applicazioni delle tecnologie digitali per ampliare l’esperienza dei territori di arte e cultura, dentro e fuori dai musei. Grazie a numerosi protagonisti dello sviluppo e dell’innovazione culturale, alla presenza dei docenti dell’Università Ca’ Foscari e dei responsabili di Palazzo Grassi – Punta della Dogana, non mancheranno focus dedicati al mondo dell’arte in relazione alla cultura d’impresa, alle memorie di territori – esperienziali e produttivi – da valorizzare e al futuro del turismo, dove i valori di sostenibilità, innovazione e inclusione verranno rilanciati e condivisi da più protagonisti e settori. Quattro convivi si svilupperanno lungo le due giornate del Festival al Teatrino di Palazzo Grassi: “Musei e tecnologia digitale: istruzioni per l’uso”; “Design Thinking e nuovi orizzonti della cultura del progetto”; “Best practice di un museo accessibile”; “I sensi del bello: il futuro del turismo culturale in Italia”. Oltre a questi appuntamenti non mancheranno case history eccellenti di imprese e associazioni – in particolare del Triveneto – e dialoghi dedicati all’Industria creativa quale motore di innovazione e ai percorsi di talenti da sostenere e valorizzare.

Venerdì 23 settembre il Festival ospiterà anche due speciali performance. Alle 17.30 si terrà “Sei gradi di crescita. Versione live di una trasmissione di culto” con Paola De Angelis, conduttrice di “Sei Gradi”, il programma di Radio 3 dedicato a ciò che unisce, connette e rilancia mondi sonori diversi e che attraverso la proiezione di video-clip proporrà al pubblico una insolita narrazione. Alle 18.15 entrerà in scena Roberto Bonzio con la performance intitolata “Italiani di frontiera”, divagazione sul filo di note, pensieri e parole. Un viaggio dal west al web, dall’Italia alla Silicon Valley e ritorno, un esperimento di giornalismo creativo e indipendente. Con storytelling multimediali di forte impatto emotivo, Bonzio combina racconto e nuove tecnologie per indagare con un pizzico d’ironia i segreti del talento e dello spirito d’impresa degli italiani. Partner attivo del progetto del Festival della Crescita, sin dalla sua ideazione, è Egea, sistema editoriale dell’Università Bocconi. Egea, oltre al sostegno scientifico, è presente al Festival con un proprio bookshop: punto di riferimento, nel quale trovare novità editoriali sui temi di ogni edizione e, naturalmente, libri, pubblicati da varie case editrici, dei relatori e autori presenti al Festival. Partito a marzo da Roma, nel corso del 2016 il Festival della Crescita disegna una vera e propria “mappa della crescita”, creando un circolo virtuoso tra i protagonisti della crescita e dello sviluppo, in un dialogo costante con le realtà locali e con una propria fisionomia a ogni edizione, arricchita da contenuti e spunti legati al territorio. «Il Festival affronta il tema della crescita trasformandolo da enigma economico a sfida evolutiva, culturale e produttiva», afferma Francesco Morace, sociologo e ideatore della manifestazione curata da Future Concept Lab, istituto di ricerca di cui è Presidente. Il progetto 2016 del Festival della Crescita, con edizioni speciali in 11 città, segna una presenza attiva sul territorio italiano. Alla manifestazione di Venezia (tappa n° 9 del percorso) seguiranno Brescia, sabato 1 ottobre, e infine Milano, dal 13 al 16 ottobre.

Lascia un commento

Top