Federperiti diventa Industrial Engineers Syndacate

La due giorni del congresso nazionale del sindacato dei Periti Industriali che si è svolto lo scorso week end ha avuto al centro del dibattito l’Europa. Il risultato ottenuto dal presidente  del sindacato, Gianfranco Merisio e dal segretario Gianfranco Magni, riguardo l’adeguamento alla normativa europea,  ha portato al cambio di nome del sindacato Periti Industriali in Industrial Engineers Sindacate. Un cambiamento non soltanto di immagine, ma sostanziale. Adeguandosi alle nuove normative europee la categoria dei periti industriali viene riconosciuta, riclassificata ed equiparata in tutti i paesi europei. Il riconoscimento europeo CE al livello “d” della Direttiva CE 36/2005, significa che i periti industriali per la loro formazione superiore oltre la scuola dell’obbligo sono classificati Industrial Engineers, tanto quanto i laureati triennali italiani.

Fra gli altri temi discussi sul futuro della categoria i rapporti con altri organismi e associazioni, e l’attività in e di Confedertecnica, quale parte sociale riconosciuta dal governo e delle attività di formazione per i lavoratori dipendenti. Federperiti Industriali fa parte di Confedertecnica, socio fondatore e componente assieme agli storici sindacati datoriali di architetti, geometri e ingegneri. Durante i due giorni sono stati anche discussi e approfonditi i temi relativi alla previdenza e alla formazione. E’ stato anche il momento di apportare alcune modifiche allo Statuto e di rinnovare i vertici del sindacato: riconfermati all’unanimità il presidente uscente Gianfranco Merisio (Bergamo) e il segretario Gianfranco Magni (Lecco). Sempre all’unanimità è stato eletto il nuovo consiglio che, arricchito di due componenti, oggi è composto da: Roberto Bonazzi (Bologna), Giovanni Esposito (Napoli), Antonio Di Cristina (Palermo), Loris Giovannelli (Latina), Enrico Stasi , Dino Salustri (Latina), Paolo Sironi (Milano), Piero Merluzzi (Udine) e Antonio Toniolo (Venezia).

Durante gli incontri sono intervenuti tra gli altri: Saverio Iuzzolini, presidente dell’associazione British Engineering in Italy – ABEI, che ha testimoniato l’attualità europea della figura del perito industriale. Il vice presidente di Confedertecnica, Calogero Lo Castro ha portato la vicinanza della confederazione dei liberi professionisti tecnici italiani, e Mario D’Onofrio, presidente della Federgeometri ha  ricordato l’importanza delle due categorie.

Al congresso hanno partecipato i delegati delle sezioni di Cuneo-Piemonte, Varese, Lecco, Sondrio, Milano, Monza Brianza, Mantova, Bergamo, Brescia, Como, Veneto, Udine, Trieste, Emilia, Perugia, Umbria, Roma, Frosinone, Rieti, Latina, Viterbo, Campania, Catanzaro Calabria, Lecce-Puglia, Palermo-Sicilia, Associazione Trafelli e la sezione unica che rappresenta gli iscritti nelle zone che pur avendo iscritti non sono così costituite.

Lascia un commento

Top