Fare business in Russia: ecco cosa serve

economia-abruzzo_a-pescara-un-desk-della-camera-di-commercio-italo-russa

Soget e Camera di Commercio Italo-Russa promuovono il workshop “Traduzione e localizzazione: cosa serve sapere alle aziende che fanno business in Russia” , per il 3 febbraio, ore 9,30-12,30 presso la sede di Soget, via A. F. Grazzini 7 a Milano.

Nonostante le tensioni legate al difficile scenario politico-economico a seguito della crisi ucraina, per le aziende italiane permangono ancora grandi opportunità in terra di Russia con cui il nostro paese ha una lunga storia di scambi economici al punto di essere diventata il secondo partner commerciale europeo e il quarto a livello mondiale.

MA BISOGNA SAPERE COMUNICARE IN MANIERA EFFICACE

Per sapere comunicare in modo efficace con i propri interlocutori e i propri target è necessario adattare i contenuti aziendali tenendo conto di lingua, cultura, convenzioni locali. E andare oltre le traduzioni con soluzioni mirate, fra l’altro, a localizzazione di siti web e prodotti multimediali, impaginazione grafica e CAD, transcreation per le campagne di marketing internazionale.

“Traduzione e localizzazione: cosa serve sapere alle aziende che fanno business in Russia” è il tema del workshop promosso da Soget, società di Milano specializzata in traduzioni multilingua, con esperienze consolidate in quasi 40 anni di attività, in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-Russa.

Ad aprire i lavori sarà Leonora Barbiani, segretario generale Camera di Commercio Italo-Russa, che spiegherà come accedere al mercato russo e presidiarlo. Interverrà di seguito il professor Bruno Osimo, coordinatore del corso in Mediazione Linguistica presso la Civica Scuola Interpreti e Traduttori di Milano, introdurrà le differenze culturali fra italiani e russi che possono incidere sul business. Enrico Viazzo, managing director Soget, illustrerà soluzioni e tecnologie linguistiche a supporto delle imprese che competono sui mercati internazionali.

Al termine dell’incontro le aziende interessate potranno prendere parte a incontri one-to-one. La partecipazione è riservata alle aziende, fino a esaurimento posti. Le richieste di iscrizione dovranno pervenire entro e non oltre lunedì 1° febbraio 2016 compilando il form presente al link sul sito CCIR.

Lascia un commento

Top