Netcomm vuol far decollare l’etravel in Italia

Di esempi ne è pieno il mondo: da TripAdvisor a Expedia, senza dimenticare eDreams e Opodo. Il settore dei viaggi è una vera gallina delle uova d’oro per l’ecommerce; tuttavia l’Italia non ha ancora presidiato il mercato e rischia di restare ferma al palo: se il comparto turistico italiano vale 110 miliardi di euro, meno del 10% è realizzato online. In altre nazioni, la percentuale supera il 50%.

Come riportarsi in scia agli altri competitor occidentali? Quali sono le mosse da compiere per sfruttare le potenzialità del web?

A queste domande proveranno a rispondere i relatori dell’incontro “Un distretto dell’e-Travel a supporto di operatori e startup”, organizzato da Netcomm, Il consorzio del commercio elettronico italiano, nell’ambito del 10° eCommerce Netcomm Forum, in programma il 21 aprile al MiCo.

Il fine è di creare un distretto degli operatori di questo settore, che abiliti, faciliti e acceleri la nascita di startup che vogliano fare leva sull’enorme, poco sfruttato e ancor meno digitalizzato, patrimonio italiano di prodotto esperienziale. Durante il workshop saranno descritti il funzionamento e le finalità del distretto, identificati quick win, ovvero le azioni più facili da portare a termine e a maggior impatto per l’ecosistema.

Moderati dal giornalista Alberto Vita, al tavolo dei relatori si siederanno:
Roberto Liscia, Presidente Netcomm
Francesca Benati, amministratore delegato Amadeus Italia
Andrea Elestici, Industry Leader Netcomm Travel e fondatore Weekendagogo
Fabrizio Giulio, managing director Sud Europa Expedia Italia
Angelo Ghigliano, country director eDreams OdigeO Italy
Alessandro Petazzi, fondatore e ceo Musement
Francesco Tapinassi, politiche a sostegno dei progetti strategici del MIBAC
Roberto Vitali, presidente Village4All e consigliere nazionale turismo accessibile in SKAL

(R.A.)

Lascia un commento

Top