Energia: marchi diversi per società e vendita

Un momento della manifestazione di centinaia di attivisti dei movimenti per la casa davanti alla sede dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas in via dei Crociferi, a due passi da Fontana di Trevi, Roma, 31 marzo 2014. ANSA / ANGELO CARCONI

Per “rimuovere ogni rischio di confusione, promuovendo trasparenza e concorrenza, distributore e venditori integrati in uno stesso gruppo societario, elettrico o gas, non potranno più utilizzare lo stesso marchio, dovranno separare le politiche di comunicazione” (entro il 30 giugno 2016) e “utilizzare canali e spazi commerciali ben distinti (entro l’1 gennaio 2017). Lo ha deciso l’Autorità per l’energia.

Lascia un commento

Top