All’Eima M.i.A presentate le macchine per contrastare
il dissesto idrogeologico

Tra le numerose novità presentate al Salone dell’agricoltura multifunzionale, che si è svolto alla fiera di Bologna, il “focus” sulle tecnologie per gli interventi di manutenzione sul territorio, è stato tra i più seguiti. Secondo il presidente di FederUnacoma, Massimo Goldoni la crisi nel mercato delle macchine per l’agricoltura e il movimento terra ha indebolito la nostra capacità di contrastare i fenomeni ambientali. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il dissesto idrogeologico si combatte con interventi sistematici di manutenzione del territorio, ma anche con mezzi meccanici adeguati. Senza pale meccaniche, terne, trattori forestali, cingolati e semicingolati, macchine scavafossi, mezzi per la cura degli argini e la canalizzazione delle acque, sistemi per la triturazione dei residui vegetali e attrezzature per la rimozione dei materiali pericolosi non è possibile effettuare interventi efficaci e fare prevenzione. Una rassegna di queste tecnologie meccaniche è stata esposta ad Eima International – la rassegna mondiale della meccanizzazione agricola nell’ambito del M.i.A. che costituisce una sezione specializzata della kermesse bolognese, centrata sulle attività para-agricole che si svolgono in ambiente rurale e che comprendono anche gli interventi di natura ambientale e di protezione civile.

Nell’area del Quadriportico, al centro del quartiere fieristico, i visitatori hanno visitato le principali tipologie di macchine per gli interventi contro il dissesto idrogeologico.Tra i convegni di approfondimento “Rischio idrogeologico: un tema di meccanizzazione”, promosso da FederUnacoma, Promoverde e Landmaking, è stato tra i più seguiti.
Secondo l’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale Ispra, quasi 5.600 comuni italiani (pari a circa il 70% del totale) sono collocati in aree ad alto rischio idrogeologico, e descrive la complessità dello scenario e delle variabili da gestire, da quelle relative alla morfologia dei terreni a quelle relative alle tipologie di fenomeno (crolli, scivolamenti, colate, debris, mudflow). Ogni tipo di fenomeno richiede metodiche d’intervento e tecnologie meccaniche differenti, sia in fase di prevenzione che in fase di soccorso.

“Il crollo delle vendite di macchine per l’agricoltura e il movimento terra che si è verificato negli ultimi sette anni a causa della crisi economica”,  sostiene Massimo Goldoni, ” ha prodotto un deficit di quasi 11 mila trattrici e di oltre 20 mila macchine per il movimento terra, che in condizioni di mercato normali sarebbero state acquistate e messe all’opera in tutte le regioni del Paese, e che in parte sarebbero state destinate proprio alle attività di manutenzione sul territorio. Presentare una sezione dedicata al dissesto nell’ambito della rassegna della meccanizzazione agricola è un messaggio anche politico, perché ci ricorda come agricoltura e sistemazione del territorio non siano settori separati, ma attività da concepire e sostenere in modo integrato ed organico”.

Lascia un commento

Top