Diners Club Italia: al via l’era targata Corner Banca SA

corner

Nuova proprietà svizzera per Diners Club Italia e Dinit  che, a partire dal 1° ottobre, sono passati da Discover Financial Services a Cornèr Banca SA. Un’operazione che è stata presentata ieri a Milano alla stampa e che ha due obiettivi: da un lato permettere all’istituto di credito con sede a Lugano di penetrare nel mercato italiano delle carte di pagamento, concentrandosi su un target con alte possibilità di spesa (le 25mila aziende che fatturano più di 3 milioni di euro l’anno), e dall’altro quello di rilanciare un marchio, quello di Diners Club Italia, la cui storia è stata offuscata dai recenti (e poco fortunati) passaggi di proprietà.

 

 

Il passaggio del testimone è stato suggellato da Paolo Cornaro, direttore generale di Cornèr Banca SA, che ha voluto ringraziare Discover Financial Services per il lavoro svolto in questi anni e sottolineare il continuo e proficuo rapporto di collaborazione tra Discover e Cornèr Banca iniziato con l’acquisizione della licenza Diners Club per la Svizzera il 15 marzo 2014.

Cornaro ha inoltre presentato la nuova squadra, composta da due manager d’esperienza nel settore delle carte di credito. Alla guida di Diners Club Italia si insediano il nuovo Amministratore Delegato Davide Rigamonti e il nuovo Direttore Generale Giglio del Borgo, mentre il nuovo presidente del Consiglio d’Amministrazione è Salvatore Messina, già direttore della sede milanese della Banca d’Italia. Davide Rigamonti continuerà a ricoprire anche la carica di Marketing and Business Development Manager in Cornèr Banca SA, vantando un’esperienza di lungo corso nel settore delle carte di pagamento sia presso l’istituto bancario ticinese sia presso Deutsche Bank Italia. Per l’altra figura chiave di Direttore Generale la nuova proprietà ha designato Giglio del Borgo, già Country Director in American Express e in seguito in Experian, azienda leader mondiale nei servizi informativi per il credito e il business.

La nuova proprietà ha espresso la volontà di rilanciare lo storico brand italiano puntando, come detto, nel settore corporate, ma senza tralasciare la clientela Premium, alla quale si è sempre rivolta (come del resto testimonia il termine club); per riuscirci sarà determinante ampliare la rete commerciale. “Strategica l’acquisizione di Dinit, società di processing di carte Diners operante in Slovenia, che ci permetterà di sviluppare nuovi prodotti e servizi già attivi all’estero e avvalerci di un sistema integrato che copre l’intera catena del valore”, ha sottolineato Cornaro.

Rigamonti_Cornaro_DelBorgo

 

 

Lascia un commento

Top