Dal 23 al 26 ottobre le Marche ospiteranno la XXI sessione della Task Force italo-russa sui distretti e le Pmi

Si terrà nelle Marche dal 23 al 26 ottobre la XXI sessione della Task Force italo-russa sui distretti e le piccole medie imprese, forum presieduto dai Ministeri dello Sviluppo Economico di Italia e Russia, nel quale sono rappresentate Regioni, Università, centri di ricerca, associazioni e federazioni di settore e imprese di entrambi i Paesi. L’Ice – agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane cura la segreteria tecnica della task force mentre l’organizzazione è stata affidata alla Regione Marche. L’interscambio commerciale bilaterale con la Federazione Russa nell’ultimo decennio, è passato da quasi 12 miliardi del 2002 ai 27 del 2011, vale a dire circa il 4% del volume totale degli scambi con l’estero dell’Italia. La task force, giunta al decimo anno, è un momento di confronto importante tra i due paesi e segna quest’anno un record storico sia di partecipazione che di proposte progettuali. L’appuntamento è una delle poche occasione per territori e regioni russi e italiani di incontrarsi anche a livello di amministrazioni locali. Per individuare le opportunità che si profilano per le imprese la Russia presenterà 24 zone economiche speciali, e ha avviato 7 grandi progetti per un valore complessivo di 468 miliardi di euro. Proprio per intercettare queste importanti opportunità, soprattutto in uno scenario di crisi, task force punta non più solo a intensificare gli scambi, ma a creare partnership di natura commerciale e produttiva per costruire relazioni organiche.

La task force ha l’obiettivo di favorire gli scambi commerciali, il partenariato industriale e gli investimenti sui reciproci mercati e rappresenta uno strumento privilegiato per favorire l’internazionalizzazione delle imprese nella Federazione Russa, mercato strategico per l’Italia. Il nostro Paese è il quarto fornitore della Russia, con un interscambio cresciuto di oltre il 21% nel 2011; la Russia, inoltre, presenta tassi di crescita del pil del 4,3% nel 2011, con previsioni del 3,8 per il 2012 e del 3,9 nel 2013 (fonte: Mise). La XXI sessione, che celebra i 10 anni di attività della Task Force, presenta importanti novità: il format non prevede solamente riunioni plenarie in un’unica sede, ma anche tavoli tematici e incontri bilaterali organizzati direttamente nei distretti regionali sulla base di oltre 200 progetti specifici presentati. Inoltre, vi sarà un apposito spazio (Networking Open Space) dove Regioni, Istituzioni e organismi preposti all’internazionalizzazione dei due Paesi avranno l’opportunità di incontrare le imprese. La regione ospitante, le Marche, intrattiene da anni rapporti intensi con la Federazione Russa. Tra le esperienze più significative, la ‘clonazione’ del distretto marchigiano della meccanica a Lipetsk, che ha aperto la strada a scambi sempre più stretti sul piano economico, ampliando la collaborazione anche in altri campi; un progetto rappresentativo della strategia di internazionalizzazione adottata dalla Regione Marche che, in un’ottica di sistema, coinvolge nelle azioni di internazionalizzazione istituzioni, imprese e Centri per il trasferimento tecnologico.

A San Benedetto del Tronto si svolgeranno le sessioni plenarie di apertura e chiusura dei lavori e due seminari: uno dedicato agli strumenti finanziari per l’internazionalizzazione ed uno alla promozione turistica; al settore turismo è stato dato quest’anno grande spazio, con l’ulteriore novità di incontri bilaterali tra tour operator russi e italiani. Altre 5 località marchigiane (Osimo, Fermo, Fabriano, Pesaro e Jesi) ospiteranno tavoli tematici, visite ai distretti produttivi e incontri bilaterali. I lavori saranno incentrati sullo sviluppo della collaborazione nei seguenti settori: Energie da fonti tradizionali e alternative; Beni di consumo per la persona; Meccanica, meccatronica, apparecchiature elettromedicali, nano e biotecnologie; Nuove tecnologie e prodotti nei settori dell’edilizia, del legno, dell’arredo e della domotica; Logistica (con particolare riguardo ai trasporti e ai terminal fluviali).

Durante il 2011 le Marche hanno esportato merci verso la Russia per un valore di 645 milioni di euro, dato in crescita del 9% rispetto l’anno precedente; il primo semestre del 2012 ha fatto registrare un aumento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2011. Tra i settori maggiormente in crescita, le calzature (in questo settore le Marche sono la prima regione italiana per esportazioni in Russia) e i mobili (fonte: Sistema Informativo Statistico Regione Marche).

 

Lascia un commento

Top