Cuba, Obama, Castro e Western Union

1419426499746.cached

Cuba. Dopo le strette di mano, gli accordi, gli auspici per eliminare El Bloqueo, ovvero l’embargo economico imposto dagli Stati Uniti nel 1960 e poi rafforzato nel 1962 che prevede il blocco di ogni commercio con l’Isola fino alla sua totale democratizzazione, è Western Union che approfitta delle discrete aperture per ampliare i collegamenti verso Cuba. Per la prima volta Western Union trasferirà denaro a Cuba da altri Paesi oltre gli Stati Uniti.

Ebbene sì Western Union Company operatore nei servizi di pagamento lancerà un servizio di rimesse verso Cuba da più Paesi nel mondo. Il lancio dei nuovi servizi segue i cambiamenti politici e normativi negli Stati Uniti
che permetteranno sia ai cubani sia ai non cubani di inviare denaro attraverso Western Union nell’isola caraibica. Per la prima volta, i cubani residenti al di fuori degli Stati Uniti e gli altri cittadini del mondo
potranno inviare rimesse a Cuba utilizzando la piattaforma di pagamenti transnazionali di Western Union.

PRIMA SOCIETA’ AMERICANA A EFFETTUARE TRANSAZIONI VERSO CUBA

“Essendo la prima società americana a effettuare transazioni da tutto il mondo verso Cuba, accogliamo i cambiamenti politici e normativi messi in atto dal Governo degli Stati Uniti che ci permetteranno di offrire questi servizi”, ha detto ieri Odilon Almeida, Presidente delle regioniAmeriche e Unione Europea per Western Union. Le rimesse potranno essere spedite ai membri della propria famiglia e altri connazionali cubani per le spese familiari e per il supporto ad attività economiche private. “Siamo orgogliosi di collegare in pochi istanti i cubani da ogni parte del mondo alla loro patria attraverso i nostri servizi di invio denaro. È un privilegio partecipare a questo momento storico in cui un rinforzato flusso di rimesse creerà delle nuove opportunità. L’espansione delle rimesse rappresenterà un’opportunità vitale nel migliorare la qualità della vita dei cubani, contribuendo ai risparmi e ad
eventuali investimenti in piccole imprese”.

“L’esperienza globale di Western Union ha dimostrato che quando i consumatori hanno un accesso comodo e formalizzato a servizi di money transfer, il flusso delle rimesse si rafforza sia attraverso nuovi e vecchi già corridoi. In un mondo globalizzato, è di fondamentale importanza offrire l’accesso a servizi finanziari adeguati alle esigenze di una popolazione di lavoratori migranti sempre più mobile. È dimostrato che l’accesso a servizi finanziari per tutti i cittadini è alla base del progresso economico di una nazione. I mittenti di rimesse da qualsiasi parte del mondo verso Cuba possono ora usufruire della stessa rapidità di trasferimento di denaro che Western Union offre su qualsiasi altro corridoio. Chi invia denaro a Cuba potrà utilizzare le opzioni di invio multi-canale di Western Union – da agenzia, attraverso internet, mobile o tramite la banca – e i destinatari potranno ritirare il denaro in più di 490 agenzie presenti in tutte le 16 province e 168 comuni di Cuba.

UN MILIONE E MEZZO DI CUBANI VIVE FUIRI DALL’ISOLA

Nel 2015, la popolazione cubana al di fuori di Cuba ha raggiunto 1,4 milioni di persone. La
diaspora cubana è sparsa tra Paesi del Nord, Sud e Centro America, Caraibi, Unione Europea e
Repubbliche dell’ex Unione Sovietica. Circa il 96% dei cubani residenti all’estero è concentrato
in 5 Paesi, tra cui Stati Uniti, Spagna, Italia, Messico e Canada. In ogni modo, i Cubani sono
presenti in almeno 72 Paesi. Le rimesse verso Cuba nel 2013 hanno raggiunto 2,8 miliardi di dollari, il 90% provenienti dagli Stati Uniti. Le transazioni raggiungono il 62% delle famiglie cubane, contribuendo al 90% dei
consumi nonché a creare centinaia di posti di lavoro.

Lascia un commento

Top