L’accordo per fare di Milano la capitale degli Erasmus

erasmus

Se questa è la generazione Erasmus, Milano punta a diventare la capitale di questi studenti giramondo, allestendo per loro una serie di iniziative e servizi nuovi per migliorare l’accoglienza e la loro permanenza nel capoluogo lombardo.

E’ questo il senso del nuovo protocollo d’intesa, che sarà firmato giovedì 16 luglio in Camera di Commercio di Milano. Nell’occasione saranno presentati i risultati finora raggiunti e le iniziative future. A partire dai servizi disponibili sul portale www.studyinmilan.net per gli studenti stranieri, accessibili grazie alla “Milan ID card”, distribuita ad oggi a migliaia di studenti. Ci saranno i risultati di un’indagine su “Milano e le sue Università”, realizzata su circa 250 studenti dall’estero in città.

Parteciperanno:

  •  Comune di Milano (Cristina Tajani, Assessore alle politiche per il lavoro, Sviluppo economico,  Università e Ricerca al Comune di Milano)
  •  Camera di commercio (Massimo Ferlini, membro di giunta)
  •  Politecnico di Milano (Giovanni Azzone, Rettore)
  •  Università Bocconi (Bruno Pavesi, Consigliere Delegato)
  •  Università degli Studi di Milano (Monica Di Luca, Prorettore all’Internazionalizzazione)
  •  Università Cattolica (Antonella Sciarrone Alibrandi, Pro-Rettore)
  •  Università di Milano-Bicocca (Maria Cristina Messa, Rettore)
  •  Università Vita-Salute San Raffaele (Alessandro Del Maschio, Rettore)
  •  Humanitas University (Stefano Duga, Direttore di dipartimento Scienze biomediche)
  •  Università IULM (Giovanni Puglisi, Rettore)
  •  Accademia di Belle Arti di Brera (Marco Galateri di Genola, Presidente)
  •  IED – Istituto Europeo di Design (Emanuele Soldini, Direttore)
  •  NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano e Domus Academy (Alberto Bonisoli, Chief Academic Officer)

Lascia un commento

Top