Contratto da 5 milioni per Imesa (gruppo Schiavoni)
per forniture destinate al Kurdistan iracheno

Imesa_stabilimentoImesa, azienda del gruppo Schiavoni, leader europeo delle costruzioni elettromeccaniche – www.schiavoni.it – , ha acquisito dalla società petrolifera norvegese Dno International un contratto del valore di 5 milioni di euro per la fornitura di una sottostazione elettrica con annessa sala controllo, relativa a giacimenti di gas nel Kurdistan iracheno.28_18_intevrista_con_gemme“Una commessa che rafforza la nostra presenza nell’area del Golfo come fornitor per il settore oil & gas”, commenta Giampiero Schiavoni, presidente e amministratore delegato di Imesa (nella foto di lato Sergio Schiavoni fondatore e presidente in compagnia di Claudio Andrea Gemme, presidente di Anie Confindustria e amministratore delegato di Nidec Ansaldo Sistemi Industriali) . “Il mercato mostra un forte interesse per questa tipologia di fornitura e per i vantaggi che essa presenta, specie in situazioni ambientali difficili. L’ingegneria Imesa ha una solida esperienza su questo terreno, potendo garantire flessibilità, velocità di realizzazione e alti standard qualitativi”. Sottostazione e sala controllo sono fornite in container (quattro per la sottostazione e due per la sala controllo), dove sono alloggiati tutti gli apparati progettati e realizzati per fornire e gestire l’energia elettrica, secondo le specifiche esigenze dei cantieri allestiti presso i giacimenti di gas: dai quadri elettrici agli impianti di condizionamento e antincendio.

Una volta trasportati sul posto, i container sono pronti per entrare in operatività, come spiega Tiziano Frascoli, business development director di Imesa: “La distribuzione elettrica e i sistemi di controllo ‘chiavi in mano’ permettono al cliente di avere un’unica interfaccia tecnica e gestionale, con vantaggi in termini di coordinamento, una completa integrazione dei sistemi forniti e testati prima della spedizione (che riduce al minimo i rischi di messa in servizio) e una ottimizzazione delle attività in cantiere”.

Imesa ha già progettato e realizzato sottostazioni elettriche in diversi Paesi, quali Kazakistan, Venezuela e Tunisia e prevede un ulteriore sviluppo del settore nei prossimi anni, in particolare nell’area del Middle Est. Ed è in quest’ambito che si colloca il rafforzamento di Tecnosistemi, la società del Gruppo Schiavoni presente a Dubai che riveste un importante ruolo di presidio commerciale nell’area.

Lascia un commento

Top