Conai certifica che Expo è sempre più green

conai expo

A quasi tre mesi dall’inaugurazione di Expo Milano 2015, il tasso di raccolta differenziata all’interno del sito espositivo si è attestato al 61% del totale, una percentuale in progressivo avvicinamento a quota 70%, obiettivo che EXPO si propone di raggiungere entro la fine della manifestazione. E’ quanto emerge dalle ultime rilevazioni del contatore ambientale implementato da CONAI – Consorzio Nazionale Imballaggi – in collaborazione con AMSA-Gruppo A2A, e che monitora la quantità di rifiuti separata attraverso la raccolta differenziata, evidenziando i benefici sociali, economici ed ambientali derivanti dall’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio di Expo Milano 2015.

In particolare, la corretta separazione dei rifiuti nell’ambito dell’esposizione universale ha consentito la mancata emissione di 127 tonnellate di CO2 e il risparmio di 1,5 milioni di kWh di energia elettrica e di  oltre 17.000 metri cubi di acqua.

I materiali raccolti e avviati a riciclo, invece, permetteranno di produrre 69000 felpe di pile in plastica (PET), 750 panchine (plastiche miste), oltre 16.000 chiavi inglesi di acciaio e 806 caffettiere moka di alluminio, quasi 1.000 armadi di legno, più di 1,8 milioni di scatole di scarpe in carta e cartone e oltre 500.000 bottiglie di vetro.

Lascia un commento

Top