Cineas. Risk management nelle Pmi. A che punto siamo?

Convegno-Cineas-Risk-Management-ImcUn campione di 427 aziende distribuite su tutto il territorio nazionale e appartenenti a tutti i settori dell’economia hanno risposto all’indagine realizzata da Politecnico di Milano e Cineas, il consorzio universitario no-profit specializzato in cultura del rischio, con l’obiettivo di fotografare lo stato dell’arte del risk management nelle piccole e medie aziende italiane, l’ossatura del Paese, e capire quanto sono pronte per affrontare e rispondere ai rischi in maniera adeguata.Approccio alla gestione del rischio

Il 53% delle imprese percepisce correttamente il rischio non solo come fonte di minaccia, ma anche come fonte di opportunità. Il rischio finanziario viene percepito come l’area più critica (48%), seguito da quello operativo (35%); le stesse categorie di rischio, operativo (46%)e finanziario (41%), sono le categorie che assorbono maggiori risorse.

Evoluzione del profilo di rischio

Si è indagata anche l’evoluzione del profilo di rischio percepito dalle imprese nel passato, la situazione attuale e le aspettative per il futuro. Oggi il 17% degli intervistati ritiene di avere un profilo di rischio alto, il 58% medio e il 25% basso. L’incidenza delle imprese che negli ultimi 5 anni hanno visto aumentare il loro profilo è elevata (35%), così come quella che prevede un aumento nei prossimi anni (25%), mentre solo un modesto 5% ritiene che il profilo di rischio potrà ridursi nel prossimo futuro.

Risorse investite nella gestione dei rischi

quasi nessuna delle aziende intervistate prevede di ridurre il proprio profilo di rischio nei prossimi tre anni, e tra quelle che prevedono un aumento del profilo di rischio, ben il 57% dichiara che gli investimenti in risk management cresceranno nel tempo. Incrociando le informazioni sulla dinamica del profilo di rischio con quelle sulle operazioni effettuate negli ultimi tre anni, si è potuto verificare che l’operazione straordinaria di gran lunga più diffusa, che interessa ben il 59% delle imprese del campione, è l’entrata nei nuovi mercati, confermando la forte spinta all’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane.

Processo di risk management

Andando ad analizzare le tecniche e gli strumenti che le Pmi adottano per la valutazione del rischio si rileva che sono poche le imprese che si sono dotate di procedure formali e standardizzate per le diverse fasi che compongono il processo di risk management: l’82% delle imprese formalizza meno di tre fasi su cinque, e solo il 3% le formalizza tutte; altrettanto poche sono quelle che, indipendentemente dalle tecniche adottate, misurano la probabilità di accadimento (37%), mentre il 63% considera gli impatti finanziari dei rischi cui è esposto. In quanto alle modalità di trattamento dei rischi identificati, un dato tra tutti evidenzia una generale impreparazione delle Pmi ad affrontare le nuove sfide offerte dal business: tra le imprese che realizzano tra il 25% e il 75% del proprio fatturato in valuta diversa dall’Euro, il 79% non tiene in considerazione il rischio di cambio e non adotta alcun tipo di copertura; sorprendentemente, è ancora maggiore (91%) l’incidenza delle aziende che non tengono in considerazione il tasso di cambio tra quelle che realizzano più del 75% del fatturato in valuta diversa dall’Euro. Il monitoraggio avviene nella maggior parte dei casi una o due volte l’anno (rispettivamente 31% e 36%); in qualche circostanza anche trimestralmente (nel 20% dei casi). Per monitorare la performance/esposizione, la maggior parte degli intervistati analizza il risultato operativo e il risultato lordo della gestione ordinaria (rispettivamente 37% e 28%). Poco utilizzati sono gli strumenti particolarmente sofisticati come potrebbero essere le misure di performance aggiustate per il rischio, che, comunque, non mancano in alcuni pochi casi. Per quanto riguarda i ruoli e le responsabilità per la gestione del rischio, bassissima è l’incidenza delle imprese intervistate che dedica una risorsa a tempo pieno ad attività di risk management; l’11% delle imprese affida il compito a consulenti esterni, mentre nella grande maggioranza dei casi (88%) il compito è assolto da una figura interna che ricopre altri ruoli come l’amministratore (58%) o il direttore finanziario (26%).

La cultura del rischio, comunicazione e formazione

Infine, si è voluto analizzare quanto la cultura del rischio sia diffusa all’interno dell’azienda: quasi nessuna azienda prevede iniziative di formazione rivolte a tutti i dipendenti, ma solo al top management (per il quale sono previsti corsi formazione ad hoc nel 17% dei casi, seminari nel 16% e workshop nel 19% dei casi) e ai responsabili della gestione del rischio (per il quale sono previsti corsi formazione ad hoc nel 23% dei casi, seminari nel 15% e workshop nel 20% dei casi). Il 17% delle aziende dichiara di avere in programma per il futuro iniziative rivolte a tutti i dipendenti, il 32% iniziative rivolte solo al top management e 31% rivolte ai responsabili per la gestione del rischio.

Focus. A che punto è la Lombardia

Anche le imprese lombarde segnalano una significativa maturità per quanto riguarda l’approccio alla gestione del rischio (44% del campione). E rilevante è stata anche la componente che segnala l’utilizzo di un approccio proattivo. Peraltro, il tasso di risposta alla ricerca delle imprese lombarde è stato il più alto in assoluto. Si evidenzia una percezione di un più alto profilo di rischio: il 23% degli intervistati ritiene di avere un profilo di rischio alto, il 57% medio e il 20% basso, laddove le percentuali per il campione nazionale sono rispettivamente 17%, 58% e 25%; in Lombardia le imprese con profilo di rischio alto incidono di più che nel resto d’Italia, quelle con profilo di rischio basso incidono di meno. Per quanto riguarda le modalità di trattamento dei rischi, anche nel caso della Lombardia si evidenzia come siano poche le imprese che, pur realizzando un’ampia parte del loro fatturato in valuta diversa dall’Euro, ricorrano a coperture del rischio di cambio. Tuttavia in Lombardia si verifica un sensibile miglioramento della sensibilità al rischio di cambio per le imprese che realizzano oltre il 75% del fatturato in altre valute 33% del sottocampione lombardo, contro il 9% dell’intero campione).

Il report completo dell’Osservatorio è disponibile per il download www.riskmanagement.polimi.it e sul sito Cineas alla pagina: http://cineas.it/index.php?pag=449

Lascia un commento

Top