Christian Estrosi, sindaco di Nizza, presenta Iconic

Christian Estrosi, sindaco di Nizza e presidente della métropole Nice Côte d’Azur, ha ufficialmente posato la prima pietra del progetto Iconic, già soprannominato Diamant dai cittadini di Nizza per via della sua forma, lo scorso novembre.

di Lea Valori

Un progetto a audacieux, moderno e futurista fortemente voluto dal sindaco Estrosi, fautore delle grandi opere.
Presenti alla posa, i promotori Philippe Journo, presidente della Compagnie de Phalsbourg, Paolo Celi, presidente Fondimmo e Amitié France Italie e Antoine Nougarède, direttore generale di SNCFR, le ferrovie francesi.
L’edificio dalle geometrie in stile Daniel Libeskind, uno dei principali interpreti dell’architettura decostruttivista che si fonda sulla vivacità di elementi discordanti e dall’incontro tra vecchio e nuovo, farà da trait d’union tra i quartieri nord e sud della città, oggi separati dalla rete ferroviaria e tra il tram e i treni. Non solo, questa nuova centralità vuole ridisegnare il centro città riqualificando il quartiere Notre-Dame dalla stazione Thiers fino alla Gare du Sud.

Un’architettura d’autore interamente in vetro che collegherà la stazione di Nizza a ‘l’Avenue’ (Avenue Jean Medecin), come la chiamano i Nizzardi, strada principale dello shopping e una delle vie di comunicazione nord-sud della città.
Nei suoi 19.000m2, lo Diamant, la cui consegna è prevista per la fine del 2019, ospiterà un hotel Hilton di 120 camere, un teatro da 600 posti, un ristorante con terrazza panoramica di 185m2 con vista mare e città, uffici, spazi commerciali e di coworking.

Il tutto a costo zero per le finanze pubbliche e per il comune. L’investimento di 80m di euro, che comprende l’acquisto del terreno di SNCF e del comune, è interamente privato e il progetto verrà commercializzato dal promotore.
Iconic si colloca all’interno delle grandi opere della città di Nizza quali la modernizzazione della stazione ferroviaria con la creazione di un nuovo hub di trasporto multimodale che consentirà di spostarsi dal tram a tutti gli altri mezzi di trasporto (aerei, TGV, treni regionali, bus, auto e biciclette) e la seconda linea del tram che collegherà in soli 26 minuti l’aeroporto al porto.

Un progetto importante per Nizza, polo turistico internazionale e 1ma città turistica francese dopo Parigi, per accogliere al meglio gli 11 milioni di turisti l’anno che vi soggiornano. Il turismo, infatti, è l’industria principale della città. Più del 40% della popolazione lavora direttamente o indirettamente nel settore turistico che rappresenta quasi la metà del Pil del dipartimento della Alpes-Maritimes. Gli altri pilastri dell’economia della Costa Azzurra sono edilizia e lavori pubblici e società high tech. Più di 12 milioni sono i passeggeri che transitano ogni anno per l’aeroporto di Nizza 2ndo dopo Parigi e 1mo per traffico low cost e 500.000 l’anno i crocieristi che salpano dal porto Nizza / Villefranche-sur-Mer. Con il suo Palais des Congrès et des Expositions Nice Acropolis e alla capacità alberghiera di qualità, anche per il turismo d’affari e congressi Nizza si colloca al 1mo posto dopo Parigi.

Lascia un commento

Top