App4Cities: hacker a raccolta per rendere smart la PA

#SCE2015

In occasione di #SCE2015 – Citizen Data Festival (in programma a Bologna dal 14 al 16 ottobre 2015), FORUM PA e Polihub, l’incubatore del Politecnico di Milano, lanciano App4Cities, una call per raccogliere e premiare soluzioni innovative utili a migliorare la vita delle persone in città e nei territori.
La call è pensata per individuare le app capaci di valorizzare i dati, migliorando i servizi e la qualità della vita in città e nei territori.

La decisione di lanciare questo concorso è stata presa dopo aver letto i risultati dell’indagine “La PA nel mobile”, realizzata da Forum PA per sondare la presenza nell’internet mobile della Pubblica Amministrazione: mentre gli italiani preferiscono sempre di più smartphone e tablet per collegarsi a internet (il 60% degli accessi alla rete avviene da mobile, secondo i dati Audiweb di maggio 2014), la PA è quasi assente dai terminali mobili delle persone.

“Colmare il gap non sarà facile, anche a causa della scarsità di risorse”, commenta Gianni Dominici, direttore di Forum PA e curatore della ricerca per Smart City Exhibition. “Ma i casi analizzati fanno emergere una possibile strada nella condivisione di progetti e soluzioni tra Enti dello stesso tipo. Raccogliere, premiare e dare visibilità a buone soluzioni rappresenta un primo passo in questa direzione”.

Forum PA ha censito in tutto 290 app della PA, che si concentrano soprattutto nel Centro-Nord e offrono informazione (38%), servizi per il turismo (27%), servizi al cittadino (17%), servizi in ambito sanitario (6%), pagamenti (3%), sistemi di partecipazione (3%). Ma evidenziano una capacità di penetrazione limitata, dal momento che il 49% delle app è disponibile per un solo sistema operativo (Android o Apple), il 45% per entrambi i sistemi e solo il 17% per almeno 3 sistemi. Chi possiede un telefono con sistema Windows può accedere solo al 5% delle app della PA. Inoltre sono poco utilizzate, dal momento che – a parte iPatente, la app del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ha registrato più di 800mila download – la app del settore pubblico più scaricata è “Giustizia civile”, del Ministero della Giustizia, con 84mila download, tra Android e Apple. Tra quelle delle regioni la app più scaricata risulta “Visito Tuscany”, con 13mila download totali.

In linea con le aree della smart city, App4Cities individua sei dimensioni in cui proporre app: Economy, Mobility, Environment, People, Living, Governance.

Per partecipare, è sufficiente compilare il form sul sito e registrare il proprio progetto entro e non oltre il 30 settembre.

Tra le app candidate, un comitato di esperti (Ricercatori del Polihub e degli Osservatori Digital Innovation della School of management del Politecnico di Milano) selezionerà le 10 migliori proposte in termini di innovatività, che saranno presentate durante l’evento Citizen data, app & startup nelle giornate di Smart City Exhibition – Citizen Data Festival.

Lascia un commento

Top