Cairo ci sta rimettendo (poco) dopo acquisto Rcs: utile a 5 milioni

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, allo stadio Renzo Barbera di Palermo durante la partita di serie A, 21 ottobre 2012.    ANSA/CORRADO LANNINO

Il gruppo Cairo chiude i primi 9 mesi del 2016 con un risultato netto di 5,031 milioni in calo rispetto ai 6,6 milioni del 2016 includendo anche gli oneri non ricorrenti associati all’offerta per l’acquisizione di Rcs. Il margine operativo lordo (Ebitda) e il risultato operativo (Ebit) sono pari a 22,1 milioni, e 9,2 milioni.

Ma se si considera l`intero perimetro del gruppo e quindi anche Rcs per il mese di settembre 2016 i ricavi consolidati lordi sono pari a 272,1 milioni (185,7 milioni nel 2015). Con riferimento alla gestione corrente, il margine operativo lordo (Ebitda), il risultato operativo (Ebit) e il risultato netto consolidati sono pari a rispettivamente a 23,8 milioni, 10,9 milioni e 6,3 milioni(rispettivamente 10,8 milioni, 4,8 milioni, 6,6 milioni nel 2015).

Il settore editoria periodici Cairo Editore, pur sostenendo nel periodo costi di lancio per complessivi 1,2 milioni, ha continuato a conseguire risultati positivi realizzando un margine operativo lordo (Ebitda) e un risultato operativo (Ebit) rispettivamente pari ad 11,5 milioni ed euro 1 0,7 milioni (euro 12,5 milioni ed euro 11,7 milioni nel 2015); sulla base del portafoglio ordini alla data del 14 novembre 2016, si prevede che la raccolta pubblicitaria delle testate Cairo Editore per il trimestre ottobre-dicembre 2016 sia crescita di oltre il 15% rispetto al pari periodo del 2015 (7,2 milioni). Il gruppo “si impegnerà nell`implementazione del proprio progetto di integrazione” con Rcs, “con l`obiettivo di accelerare la ristrutturazione operativa di Rcs, sfruttando anche le possibili sinergie, e perseguirne il turnaround, attraverso il raggiungimento della massima efficienza e della realizzazione del pieno potenziale dei ricavi”.

Lascia un commento

Top