Bertani (Elesa) è il made in Italy degli accessori per l’industria

Bertani

Nel corso dell’anno Elesa ha tagliato il traguardo dei settantacinque anni di storia nella produzione di componenti standard in plastica e metallo per l’industria dei macchinari e delle attrezzature industriali, con oltre 40 mila codici prodotto a catalogo, un fatturato in continua crescita che nel 2015 ha toccato, a livello di gruppo, 66 milioni di euro e 350 dipendenti.

1. Famiglia BertaniFondata nel 1941 dall’ing. Carlo Bertani a Monza dove, su un’area di 70 mila metri quadrati, di cui 26 mila coperti, è concentrata la produzione e il quartier generale, Elesa è un gruppo con un respiro globale: il 70 per cento del fatturato è infatti realizzato in oltre 60 Paesi esteri, attraverso 11 filiali e una qualificata rete di distribuzione e di questo il 30% si indirizza a mercati extra-europei. A guidare, oggi come un tempo, il gruppo Elesa è la famiglia Bertani: l’Ing. Alberto Bertani, l’Ing. Carlo Bertani, e il Dott. Andrea Bertani rispettivamente figlio e nipoti del fondatore.
“La dimensione familiare della proprietà di Elesa è un importante fattore competitivo”, dice il presidente Alberto Bertani . “Quando a guidare un’azienda è una famiglia, non si cerca il profitto immediato ma si guarda a lungo termine. Ciò ha per noi voluto dire, per esempio, puntare sempre alla qualità. Infatti, ogni prodotto Elesa è marchiato con il nostro brand: una garanzia per il cliente”.

IL SUCCESSO? GRAZIE ALL’INNOVAZIONE

Alla base del successo di Elesa stanno una serie di strategie rivelatesi nel tempo vincenti. A cominciare dall’attenzione con cui l’azienda ha sempre seguito lo sviluppo tecnologico delle materie plastiche e delle sue lavorazioni, restando sempre all’avanguardia. “Tecnologia e design: dal virtuoso abbinamento di questi due elementi ha avuto origine e si è sviluppato il successo di Elesa, ampliandosi, come gamma prodotto, dai primi elementi di manovra e regolazione, alla produzione molto diversificata di oggi, che supera i 40 mila codici”, dichiara Carlo Bertani, Ad di Elesa. “Un percorso a cui siamo rimasti fedeli nel corso dei decenni, come testimoniano tra l’altro i 38 premi in 30 anni che sono stati attribuiti per il design industriale dalle più prestigiose giurie, a dimostrazione del costante impegno nell’innovazione estetica di questo tipo di componenti, prima concepiti solo con riguardo alla semplice funzione”. Ad alimentare la continua crescita di Elesa in questi 75 anni di storia ha una parte importante anche il processo di internazionalizzazione perseguito dall’azienda fin dagli anni Sessanta e che più tardi ha dato luogo alla costituzione di proprie filiali in Francia, Regno Unito, USA e Svezia. Ad ampliare l’apertura internazionale è stata anche la collaborazione, sempre più stretta con l’azienda tedesca Otto Ganter, con cui è stato realizzato un unico programma di vendita all’insegna del marchio Elesa+Ganter e sono state costituite filiali comuni in Austria, Spagna, Polonia, Cina, Repubblica Ceca, India e Turchia.

DIFFERENZIAZIONE DEI SETTORI APPLICATIVI

Dal settore iniziale delle macchine utensili, Elesa ha successivamente allargato la propria presenza in tutti i settori della meccanica industriale e della costruzione di macchine e attrezzature. Innovazione continua, dunque, come chiave per lo sviluppo: “Ogni anno”, sostiene Andrea Bertani, consigliere delegato e cfo del Gruppo, “investiamo circa il 6-7 % del fatturato aziendale in ricerca e sviluppo. Negli ultimi due anni questa quota è salita al 10 % e si è indirizzata nell’innovazione delle tecnologie, dei processi e dei prodotti, con lo scopo di creare prodotti nuovi o di migliorare quelli esistenti, aumentandone le performance e il livello di sicurezza”.
“Disponiamo al nostro interno anche di un laboratorio prove”, continua Carlo Bertani, “per effettuare tutti i test di resistenza necessari a garantire la qualità e le prestazioni dei nostri prodotti, dotato di attrezzature estremamente sofisticate. Del resto, un’azienda che vuole crescere e restare competitiva non può esimersi dall’investire nell’innovazione, considerando l’evoluzione stessa della tecnologia nei mercati in cui operiamo”.
Elesa è stata anche la prima azienda del settore, a partire dagli anni Cinquanta, ad introdurre una propria “normalizzazione” (Elesa Standards) di questo tipo di componenti meccanici, definendo parametri divenuti comuni riferimenti per costruttori, utilizzatori e altri produttori del settore. “La normalizzazione dei componenti”, spiega Carlo Bertani, “è stato un altro dei fattori di successo della nostra azienda. Produrre componenti normalizzati significa progettare una gamma di componenti standard, sempre disponibili a magazzino, tra i quali il cliente può scegliere in funzione delle proprie esigenze. È stata una grande sfida, costruita nel tempo: ha richiesto lo studio di differenti tipologie di prodotto per predisporre un programma di vendita che sapesse rispondere alle molteplici necessità di impiego dei nostri componenti e accessori. Il processo di normalizzazione dei componenti sviluppato da Elesa non ci impedisce, tuttavia, di realizzare anche prodotti “ad hoc” per esigenze specifiche. Se, infatti, un cliente non trova all’interno della nostra gamma il prodotto che risponde alle sue necessità, provvediamo a realizzarlo, individuando la soluzione più idonea in termini di materiale, colore, caratteristiche tecniche e dimensionali. Questa nostra capacità, che definiamo “standardizzazione personalizzata”, fidelizza il cliente”.

Pur essendo ormai un’azienda globale, il Gruppo Elesa può essere a tutti gli effetti considerato un ambasciatore del Made in Italy: la sua produzione è, infatti, orgogliosamente concentrata esclusivamente nel sito di Monza, una fabbrica all’avanguardia con eccellenze tecnologiche. Una scelta controcorrente che il presidente Alberto Bertani spiega così: “Da sempre abbiamo voluto offrire ai nostri clienti la certezza di prodotti pensati, progettati e realizzati in Italia. Il nostro Made in Italy è autentico e totale, è un valore apprezzato ovunque, anche e soprattutto all’estero. E per sostenere questa posizione i nostri investimenti si sono concentrati, nel corso degli anni, soprattutto in automazione delle linee di produzione, in attrezzature e stampi sempre più produttivi e nell’efficienza della gestione logistica”. Non è un caso che Elesa, oltre ad essere dotata di un Sistema Qualità certificato ISO 9001 fin dal 1993 e ad aver ottenuto nel 2007 la certificazione ISO 14001 e nel 2013 la certificazione del sistema aziendale di gestione della salute e sicurezza secondo la norma BS OHSAS 18001, a partire dal 2014 abbia ricevuto anche lo status di Operatore Economico Autorizzato Full dall’Agenzia delle Dogane Italiana.

Lascia un commento

Top