BCS porta in Fieragricola i suoi tre gioielli

image003 (2)Eccoli là schierati. Potrebbero sembrare dei semplici mezzi agricoli, ma sono molto di più. Fanno parte della scuderia di BCS Group, azienda di Abbiategrasso specializzata nella produzione di mezzi agricoli con i brand BCS, Ferrari e Pasquali, messa in mostra in occasione della 111° edizione di Fieragricola, l’appuntamento veronese dedicato all’agricoltura italiana.BCS che rinnova la propria partecipazione fin dagli esordi della manifestazione veronese, quest’anno scende in campo con uno stand di rilievo per mettere in mostra i suoi tre attuali gioielli: BCS Volcan V950 Dualsteer, Ferrari Vega V95 Std Dualsterr, Pasquali Siena K5.60 Ar. I tre trattori sfileranno all’interno dell’iniziativa dedicata “Road show delle macchini sostenibili”.

“Presenteremo i nostri tre cavalli di razza che sfileranno abbinati ad attrezzature tipiche delle lavorazioni in vigneti. Questi trattori rappresentano il fiore all’occhiello della gamma e sono anche quelli che ci stanno dando più soddisfazioni sul mercato”, spiega Carlo Cislaghi, direttore marketing BCS. “Abbiamo grandi aspettative nei confronti di Fieragricola, un’occasione che ci permetterà di incontrare gli utilizzatori finali e gli operatori del settore provenienti dall’Italia e dai paesi in forte crescita economica come quelli dell’area balcanica e dell’Europa dell’est”.

BCS progetta e costruisce macchine agricole e per manutenzione del verde, rappresentati dai marchi commerciali BCS (fondata nel 1943), Ferrari, Pasquali, e macchine per la produzione di energia elettrica autonoma e per la saldatura mobile, rappresentati dal marchio Mosa. Conta su tre stabilimenti di produzione in Italia (Abbiategrasso, Luzzara e Cusago) tutti certificati ISO 9001, e nel mondo è presente in tutti i continenti con distributori in oltre 100 Paesi e con sei filiali in Spagna, Portogallo, Francia, Germania, India e Cina.

Lascia un commento

Top