Giovani lombardi tra leva Civica e (poco) lavoro

Employees

Sembra che il mercato del lavoro si sia rimesso in moto, soprattutto a Milano, che registra percentuali migliori rispetto a tutte le città italiane. Ma quali sono i profili più richiesti?

Il 36% delle assunzioni delle imprese al terzo trimestre 2015 a Milano riguarda un giovane fino a 29 anni, su un totale di 13 mila assunzioni previste dalle imprese negli ultimi tre mesi. Un peso maggiore rispetto alla media lombarda (34% su 27 mila assunzioni) e italiana (30% su 158 mila assunzioni), secondo l’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati Excelsior – Unioncamere – Ministero del Lavoro.

I giovani toccano metà delle richieste per le professioni finanziarie, del marketing e vendite, nella sanità e nell’informatica. I giovani superano la metà nelle assunzioni nelle professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi (54% su circa 3.500 posti), contro il 37% nazionale. A Milano si tocca anche il livello più alto per l’assunzione di laureati: 27,6% delle assunzioni previste contro una media nazionale di 12,9%.

Dati che tuttavia faticano a riportare il dato della disoccupazione giovanile su livelli accettabili: per questo motivo gli enti lombardi ripongono le loro piccole speranze anche sul bando Leva Civica Regionale che, attraverso ANCI Lombardia, selezionerà 165 giovani disoccupati/inoccupati da inserire nei vari comuni della Lombardia che hanno aderito. I candidati che verranno selezionati svolgeranno dei tirocini dalla durata di 9 mesi con un compito settimanale di circa 30 ore con una retribuzione mensile di circa 433,80 euro.

 

 

Lascia un commento

Top