Balneari: a Ravenna il primo confronto nazionale

Balneari a confronto a Ravenna sulle concessioni balneari.

I candidati di 5 Stelle, Liberi e Uguali, Forza Italia, Lega e Partito democratico si esprimeranno sulla riforma delle spiagge che il prossimo parlamento dovrà affrontare. Appuntamento il 9 febbraio alle ore 10 al Pala De Andrè. Faccia a faccia tra politici sulla scottante vicenda delle concessioni balneari: il 9 febbraio alle ore 10 si terrà a Ravenna il primo confronto nazionale sulla riforma delle spiagge, organizzato dal portale Mondo Balneare e dalla Cooperativa Spiagge Ravenna in vista delle elezioni del 4 marzo.

In programma alla Sala Rossa del Pala De Andrè (Via Europa 1), l’evento metterà a confronto gli esponenti delle quattro principali coalizioni in lizza per il voto: Tiziano Arlotti (Partito Democratico), Sergio Battelli (Movimento 5 Stelle), Galeazzo Bignami (Forza Italia), Ottavio Di Stanislao (Lega), Giovanni Paglia (Liberi e Uguali) e Sergio Pizzolante (Civica Lorenzin). A moderare il dibattito sarà il giornalista Alex Giuzio, caporedattore del portale di settore Mondo Balneare, mentre per i saluti istituzionali sarà presente l’assessore regionale al turismo dell’Emilia-Romagna Andrea Corsini.

In seguito alla direttiva europea Bolkestein del 2006 sulla liberalizzazione dei servizi, che vorrebbe imporre di istituire le procedure di gara per riassegnare la gestione delle spiagge, i circa 10.000 stabilimenti balneari italiani sono in un grave vuoto normativo: nessun governo è finora riuscito a concludere una riforma che restituisca certezza agli attuali imprenditori, i cui titoli scadono nel 2020, pertanto sarà il prossimo parlamento a doversi necessariamente occupare di una nuova legge sulle concessioni demaniali marittime a uso turistico-ricreativo. Per questo, prima del voto gli imprenditori balneari vogliono conoscere le posizioni dei vari partiti in lizza, che emergeranno nel corso del dibattito. Saranno infatti coinvolti alcuni deputati uscenti che hanno seguito da vicino, per conto delle rispettive forze politiche, l’iter della riforma proposta dal governo Gentiloni e arenatasi lo scorso dicembre in Senato.

In piena parità di condizioni, tutti gli esponenti risponderanno alle medesime domande e avranno lo stesso tempo a disposizione. L’evento è a partecipazione libera e gratuita e richiamerà imprenditori balneari da tutta Italia.

Lascia un commento

Top