Australia compra tecnologia verde a Piacenza
Nordmeccanica domani riceve il console Desmerchelier

NMgroup_piacenza1L’Australia è un mercato in forte crescita per Nordmeccanica, azienda piacentina leader mondiale nella produzione di macchine per l’imballaggio flessibile – www.nordmeccanica.com -, che domani riceverà la visita ufficiale del Console generale australiano e dirigente affari commerciali Simone Desmarchelier.Alfredo Cerciello“L’Australia è un mercato maturo con ampi margini di crescita e offre grandi opportunità commerciali alle imprese italiane attente alla qualità e alla sostenibilità”, ha detto Alfredo Cerciello, (nella foto) direttore finanziario di Nordmeccanica. “L’Australia acquista da noi principalmente macchine a impatto zero dal punto di vista ambientale, che rappresentano la principale leva competitiva per l’azienda a livello internazionale”. Uno dei principali clienti australiani di Nordmeccanica è il gigante dell’imballaggio Amcor, presente in 43 paesi del mondo, con 27 mila dipendenti, un fatturato di 9,5 miliardi di dollari, sede centrale a Melbourne e quotato alla borsa di Sidney (Asx).

Il fatturato di Nordmeccanica verso il Gruppo Amcor in tutto il mondo ammonta a circa 7 milioni di euro. Nordmeccanica (di cui il nostro sito ha già pubblicato ( http://www.btboresette.com/?s=Nordmeccanica&x=0&y=0) punta a espandere il proprio business nell’area del Pacifico, grazie alla nuova linea di produzione per le macchine destinate alla metallizzazione degli imballaggi, che usciranno dallo stabilimento in costruzione alle porte di Piacenza, che sarà inaugurato nel prossimo mese di maggio. Nordmeccanica (vedi anche è leader mondiale nella produzione di macchine per gli imballaggi flessibili, con un fatturato 2013 di 83 milioni di euro, 225 dipendenti, quattro stabilimenti produttivi (in Italia, Cina e Stati Uniti), sedi dirette in India e Argentina e una rete di rappresentanze che copre 87 paesi del mondo. Un nuovo stabilimento è in costruzione a Piacenza con 100 nuove assunzioni. Fondata nel 1978, l’azienda fa capo alla famiglia Cerciello, che l’ha rilevata nel 1998, e sta ultimando il suo terzo stabilimento italiano, a Piacenza come i primi due, che creerà circa 100 nuovi posti di lavoro.

Share

Lascia un commento

Top