Assunzioni difficili per le imprese. Manca la formazione

AAEAAQAAAAAAAAb4AAAAJGVlZmIwYmVhLTUwMTctNGE3ZS1iMGZhLWQ3YjY0NGNiYWJkYQ

Assunzioni sempre più difficili per le imprese. Per il 35% delle aziende diventa difficile assumere a causa della scarsa formazone dei neoassunti. Al via lo short master per l’internazionalizzazione.

Secondo le imprese, il 59,2% dei neoassunti necessita di ulteriore formazione. Questi i dati della Camera di commercio di Milano – Excelsior Unioncamere. La mancanza di un’adeguata preparazione professionale è motivo delle difficoltà incontrate nell’assunzione per circa il 35% delle imprese. Per questo motivo il prossimo 27 maggio si svolgerà la V edizione dello Short Master per l’internazionalizzazione di impresa organizzato da NIBI – il Nuovo Istituto di Business Internazionale di Promos.

Lo Short Master ha l’obiettivo di formare manager e operatori direttamente coinvolti nella definizione di strategie di internazionalizzazione aziendali che desiderano acquisire competenze specialistiche per sviluppare progetti di internazionalizzazione. Il Corso sensibilizza i partecipanti sull’importanza di un approccio strutturato ai mercati esteri, fornendo gli strumenti concettuali e concreti per elaborare una strategia di internazionalizzazione supportata da una progettualità definita. Lo Short Master fornisce inoltre gli strumenti per gestire preventivamente le principali problematiche di natura legale, fiscale e doganale che emergono operando con l’estero.

“Conoscere i mercati internazionali permette alle imprese non solo di cogliere diverse opportunità di crescita in termini di aumento del volume d’affari”, dice Pier Andrea Chevallard, direttore di Promos, “ma anche di acquisire la capacità di competere di fronte alle pressioni concorrenziali sempre più globalizzate. Un progetto di internazionalizzazione però per essere ben concepito e pianificato deve coinvolgere tutte le funzioni aziendali e implicare un cambiamento dei processi gestionali, organizzativi e commerciali teso al raggiungimento di nuovi obiettivi strategici. E per fare ciò è necessario aver know how e competenze specifiche”.

INDUSTRIA E SERVIZI  I SETTORI CON MENO FORMAZIONE

Il fabbisogno formativo si divide equamente tra industria e servizi, dove la percentuale si attesta, rispettivamente, al 59,4% e 59,1%. La mancanza di un’adeguata preparazione professionale è motivo di difficoltà nell’assunzione per circa il 35% delle imprese italiane. Inoltre, la mancanza di strutture formative rappresenta l’8,3% delle problematiche riscontrate in fase di assunzione.  Nel settore dell’industria, ad avere maggiormente bisogno di attività formativa sono le imprese legate all’estrazione di minerali (84,7%). A seguire le industrie chimiche, farmaceutiche e petrolifere (82,7%), le industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicinali (80,2%) e le industrie della gomma e delle materia plastiche (77,1%). Sempre nel secondario, ma nel settore delle public utilities, l’impegno formativo richiesto dai gestori di reti (energia, gas, acqua) raggiunge l’80,6%.
Nel settore dei servizi, la quota percentuale dei neoassunti a cui serve una formazione integrativa è maggiore nelle imprese finanziarie e assicurative (87,9%). In seconda posizione le imprese informatiche e delle telecomunicazioni (81,3%), e terze, alla pari, le imprese legate alla sanità e al commercio al dettaglio (77,7%).
Ripartizione territoriale. La carenza di formazione tocca soprattutto il Nord, dove in media il 65% delle aziende richiede attività formativa supplementare; secondo il Centro (58,8%) e, infine, il Sud e le isole (47,7%).

Il percorso formativo dello Short Master per l’internazionalizzazione di imprese si articola in 3 sessioni formula week end per un totale di 60 ore di lezione, analizza i diversi aspetti che un’impresa deve affrontare qualora intraprenda un processo di internazionalizzazione: l’analisi dei mercati internazionali per definire un’offerta competitiva, la valutazione critica dell’assetto organizzativo interno in vista dell’espansione all’estero, la definizione del piano economico-finanziario e l’elaborazione del business plan per presentare il proprio progetto d’internazionalizzazione a potenziali soggetti finanziatori e partners.

TESTIMONIANZE DEI CORSISTI 

Patrizia – Responsabile settore internazionalizzazione in Basilicata
“Un’esperienza interessante e ricca di contenuti per il mio lavoro. La capacità del NIBI di rigenerare le energie e l’entusiasmo è contagiosa: ottimo gruppo docente, metodologie efficaci, confronto con i colleghi di corso sempre stimolante. Ho frequentato lo Short Master per l’Internazionalizzazione d’Impresa ed alcuni dei corsi del catalogo per aggiornare, man mano, i differenti aspetti della mia professione”.

Emanuele – Direttore Commerciale nel tema dei regali promozionali
“Lavorare fianco a fianco con i compagni di classe, condividere con loro le nozioni e le strategie appena imparate in aula, confrontarsi con professionisti dei più svariati settori e con percorsi lavorativi differenti, mi ha dato quel mix di teoria e pratica che ho potuto applicare direttamente nel mio lavoro giorno dopo giorno. La qualità della faculty, formata per lo più da affermati professionisti e docenti, è decisamente alta e davvero concreta. Il suo format aula + esercitazioni + project work finale è decisamente la modalità più efficiente per sfruttare al massimo quanto imparato”.

Nicoletta – China project leader nel settore del riso
“Il Master consente una formazione utile per capire come approcciare i mercati esteri, non in un’ottica di esportazione ma di creazione del mercato nel medio-lungo periodo.
Grazie agli strumenti acquisiti ho potuto realizzare un project work completo in ogni sua parte che ha fatto riflettere un’azienda di Riso sulle opportunità di mercato in Cina e a prendere in seria considerazione tale mercato. Ora la Cina è diventata un mercato strategico per l’azienda.
Inoltre, l’incontro con professionisti di alto livello sia come compagni di viaggio che come insegnanti consente la creazione di sinergie importanti per la realizzazione di ciascun progetto”.

Piero – Consulente esperto di Fiscalità Internazionale
“Sono un consulente di fiscalità internazionale ed il confronto professionale con i docenti è stato eccezionale. Per un professionista del settore imparare dai colleghi non è facile, al contrario da NIBI e dai suoi docenti ho approfondito ed appreso tutti gli aggiornamenti fiscali e giuridici. Il modulo didattico con sessioni di lavoro in aula sono una grande opportunità che la scuola NIBI ti permette di fare, portandoti dalla teoria alla pratica. Disponibilità dei docenti nel problem solving e massima cortesia”.

Lascia un commento

Top