Apre il 20 il bando per chiedere contributi da destinare
all’innovazione delle Pmi nel terziario

industrie_02Apre il prossimo 20 maggio in Lombardia il bando per richiedere contributi da destinare all’innovazione del terziario. Una nuova opportunità per finanziare gli investimenti delle piccole e medie aziende dei settori del turismo, commercio e servizi alle imprese. Il bando –  che resterà aperto fino al 26 giugno – finanzia i progetti innovativi che prevedano l’adozione di servizi qualificati da parte delle Pmi del terziario con l’obiettivo di favorire l’innovazione del sistema economico anche in vista di Expo 2015.L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili fino a un massimo di 25.000 euro per  alcuni ambiti di intervento come i sistemi di pagamento elettronico (carte o mobile payment), l’etended enterprise (automazione magazzini, tracciabilità merce, supply chain, vetrine interattive), l’impatto ambientale ed energetico (tra cui i sistemi innovativi di recupero materiali e rifiuti, il  riutilizzo imballaggi, la sicurezza del trasporto merci, la riduzione congestione traffico e inquinamento con tecnologie Ict, l’ecosostenibilità del packaging).

Sono ammesse le spese per un importo minimo di 20.000 euro sostenute a partire dal 18 aprile 2014, inoltre ogni impresa può presentare una sola domanda di contributo a fondo perduto. La dotazione finanziaria è di circa 1.885.000 di euro di cui 1.105.000 stanziati da Regione Lombardia e 780.000 stanziati dalle Camere di Commercio – http://mi.camcom.it/bando-fare-impresa-digitale. Nel dettaglio il bando è diretto alle piccole e medie imprese e reti di imprese con soggettività giuridica con sede legale e/o operativa nelle provincie di Brescia, Cremona, Lecco, Milano, Monza e Brianza e Varese e con codice Ateco 2007: 45, 46, 47: tutti i sottocodici; 49, 50, 51, 52: solo alcuni sottocodici; 53, 55, 56, 58, 59, 60, 61, 62, 63, 79: tutti i sottocodici – www.bandimpreselombarde.it.

Lascia un commento

Top