Ambiente S.p.A. premiata ad Ecomondo per Green House

Green-House

E’ stata Green House, l’isola ecologica mobile automatizzata lanciata dall’Ambiente S.p.A., a regalare all’azienda campana la nomination tra le trenta eccellenze italiane che sono state premiate dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile il 5 novembre a Rimini durante Ecomondo, il salone dedicato alla green economy e all’economia circolare.

E proprio tutelare l’ambiente, impegnandosi per migliorare le condizioni di vita di ogni cittadino della Campania, è la mission di Ambiente S.p.A., azienda attiva nel recupero di materia prima derivante dalla raccolta differenziata che fa parte del Gruppo Bruscino. L’azienda, che ha sede a San Vitaliano in provincia di Napoli, ha festeggiato quest’anno i 25 anni di attività nel mondo della green economy.

Il riconoscimento della Fondazione guidata da Edo Ronchi, che ha anche l’adesione del Presidente Repubblica Sergio Mattarella, segue un altro importante risultato: l’ottenimento del rating di legalità dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Il rating di legalità è un nuovo strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un “riconoscimento” del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta e, più in generale, del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business.

“L’Ambiente S.p.A. in questi venticinque anni è diventata un modello per gli esperti del settore, grazie alle nuove tecnologie e ai continui investimenti, realizzati tanto sull’automazione dei processi quanto nello sviluppo di nuove e moderne tecnologie”, ha dichiarato l’amministratore unico della holding di cui fa parte Ambiente Srl Angelo Bruscino.

“L’impegno della società – ha proseguito l’amministratore unico della Ambiente Spa Bruno Rossi – si focalizza in una costruzione per gradi di un modello del fare, nel quale lo sviluppo e la diffusione di conoscenza sono focus fondamentale della nostra realtà che utilizza la diffusione di buone pratiche per far crescere il livello complessivo di qualità e produttività dell’impresa e della collettività in generale. La convinzione che nella società della conoscenza siano decisivi gli elementi della cultura imprenditoriale, i processi della gestione, le politiche aziendali, i modelli organizzativi e i sistemi informativi accompagnano la nostra evoluzione verso quella gestione “socialmente responsabile” capace di interpretare l’impresa come benessere collettivo”.

Lascia un commento

Top