Alpha Telecom punta a dieci nuovi operatori entro un anno

Per il mercato italiano delle telecomunicazioni è una novità che si preannuncia come una rivoluzione che parte dal basso, dalla crescita di nuovi operatori locali che agiscono in mercati impensabili e che, a fronte di un costo accessibile, possono essere messi in condizioni di offrire servizi innovativi e di qualità a tariffe ultra-competitive. A guidare questa “nuova onda” è Alpha Telecom,  marchio britannico fondato nel 1996 che rappresenta una società di telecomunicazioni in Europa, con una base fidelizzata di oltre 650.000 clienti, il 50% dei quali da circa otto anni. L’azienda sbarca in Italia con l’intento di ridare lustro al marchio investendo costantemente in R&D (ad oggi oltre 7 milioni di euro) e promuovendo un modello di business innovativo. Farà leva sulla propria specializzazione nello sviluppo e fornitura di prodotti e soluzioni tecnologicamente avanzate sia nelle campo delle chiamate internazionali, sia nei servizi per la telefonia mobile e di accesso a internet che ruotano intorno a una piattaforma globale unificata di ultimissima generazione.

Per alcuni versi, si può parlare di un ritorno in Italia considerando che, nei passaggi di proprietà che hanno scandito l’esistenza della società, Alpha Telecom è stata controllata per alcuni anni dalla holding Eutelia. Oggi, tuttavia, l’azienda si ripropone sul mercato con un assetto societario anglo-italiano totalmente nuovo, che fa capo al fondo di investimenti Red di Orlando Taddeo, ma soprattutto con una struttura aziendale focalizzata sull’innovazione e su un modello di business che fa leva sulla disponibilità di prodotti all’avanguardia sviluppati internamente.

Alpha Telecom è intenzionata a radicarsi e a crescere in Italia sfruttando le caratteristiche dei propri prodotti, concepiti per favorire l’ingresso sul mercato nazionale della telefonia mobile e dell’accesso a internet di nuovi operatori locali, sia startup sia aziende operanti in altri settori, senza investimenti iniziali proibitivi e con piani tariffari particolarmente aggressivi. Alpha Telecom non è interessata a entrare in competizione diretta con altri operatori di telefonia fissa e mobile per ritagliarsi quote di mercato nel segmento business to consumer. L’intento è quello di affermarsi come partner commerciale e tecnologico, fornitore di opportunità imprenditoriali, promotore e punto di riferimento dell’innovazione. L’obiettivo dichiarato, invece, è di creare almeno 10 nuovi operatori entro un anno dall’ingresso sul mercato.

“Intendiamo riportare un marchio storico delle telecomunicazioni alla sua funzione originaria: quella di essere all’avanguardia nelle tecnologie, nei prodotti, nelle soluzioni che semplificano e rendono convenienti le telecomunicazioni e anche nel modo di fare business” , spiega Orlando Taddeo, ceo ed executive vice president di Alpha Telecom ( nella foto) . “Il nostro intento, anche in Italia, non è fare a spallate con chi è già sul mercato, quanto piuttosto affermarci come polo dell’innovazione, sia prodotta da noi sia fatta emergere mediante il nostro sostegno”.

Lascia un commento

Top