Africa Milk Project: latte buono e solidale

Trasformare un progetto di beneficenza in un’impresa che, fatte salve le sue caratteristiche di solidarietà, inizia a fare utili. E’ questo quanto sta succedendo a “Africa Milk Project: ama la tua terra, combatti la povertà, bevi il tuo latte”, che è stato premiato come migliore Best Practice di Expo nella categoria: “Sviluppo sostenibile di piccole comunità rurali in aree marginali”.

L’iniziativa, curata da CEFA il seme della solidarietà, Granarolo, il Ministero degli Affari Esteri e l’associazione tanzaniana di allevatori Njombe Livestock Association, consiste nel raccogliere il latte prodotto dagli 800 allevatori del sud della Tanzania e distribuirlo a prezzo contenuto in 58 scuole del distretto, raggiungendo così 28 mila scolari.
In parte il latte è venduto, e, in piccola quantità, donato a ospedali e orfanotrofi nei dintorni. Il rimanente diventa yogurt – distribuito nei mercati locali – e vari formaggi. Caciotta, provolone e specialmente mozzarella sono venduti nelle città più importanti della Tanzania e nell’isola di Zanzibar.
E, come detto, se all’inizio il progetto voleva migliorare la vita delle comunità rurali e sviluppare l’economia del distretto, oggi è un’impresa che comincia a fare utili.

“Africa Milk Project: ama la tua terra, combatti la povertà, bevi il tuo latte” sarà dunque uno dei cinque progetti che verranno presentati come Best Practice sulla sicurezza alimentare a livello mondiale all’interno del Padiglione Zero, lo spazio sviluppato in collaborazione con le Nazioni Unite che avrà il compito di introdurre i 20 milioni di visitatori attesi al tema dell’esposizione universale di Milano. Il progetto sarà presentato attraverso un film, che Expo realizzerà, e sarà proiettato per sei mesi nel Padiglione Zero: racconterà la storia degli “eroi” di questo piccolo miracolo.

“Le ‘Best Practices’ vincitrici”, ha detto Giuseppe Sala, commissario unico delegato del Governo per Expo Milano 2015, “saranno protagoniste all’interno del Padiglione Zero, insieme agli autori dei progetti che assumeranno il ruolo di testimoni di Expo Milano 2015. E’ un’iniziativa che ha avuto un successo straordinario e ne siamo lieti, a dimostrazione, ancora una volta, dell’importanza del tema dell’esposizione universale in ogni parte del pianeta”.

IL CONCORSO – Erano 800 i progetti in gara, esaminati da una commissione di cui facevano parte personaggi del calibro del fotografo Sebastiao Salgado, del Principe Alberto di Monaco, del Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina e Andrea Illy, Presidente di Illy Caffè.
Africa Milk Project si è classificata prima nella sua categoria: “Sviluppo sostenibile nelle piccole comunità rurali in aree marginali” (www.feedingknowledge.net).

Lascia un commento

Top