Aefi partner di TEA-Thai Exhibition Association

AEFI-Associazione Esposizioni e Fiere Italiane sigla una nuova partnership con TEA-Thai Exhibition Association per l’internazionalizzazione del sistema fieristico nazionale.

Dopo gli accordi con Iran, Libano, Taiwan, India e i Paesi dell’Europa Centrale, AEFI ha individuato un altro mercato strategico per l’espansione delle fiere italiane a livello globale, la Thailandia, e ha siglato un Memorandum of Understanding con TEA-Thai Exhibition Association, l’associazione tailandese che rappresenta tutte le realtà del settore fieristico, dagli organizzatori agli enti e quartieri, fino ai fornitori di servizi come allestimenti e logistica.

La firma – ulteriore risultato per AEFI a supporto delle fiere italiane – è stata apposta nei giorni scorsi da Talun Theng, Presidente di TEA, e da Ettore Riello, Presidente di AEFI, ma il dialogo e lo studio reciproco tra i due Paesi è iniziato due anni fa, in occasione di EXPO Milano 2015 e nell’ambito dei Road Show all’estero e delle iniziative di incoming di Road to Expo, il progetto di AEFI con l’Agenzia ICE.

“L’internazionalizzazione è una delle leve fondamentali per la competitività del settore e un importante supporto per la crescita delle nostre imprese. Per questo è una delle attività principali dell’Associazione – commenta Ettore Riello, presidente di AEFI -. La Thailandia rappresenta uno dei mercati di interesse per il settore fieristico italiano, anche per i sostegni governativi previsti per chi sceglie di esporre nel Paese”. Secondo i dati UFI, la Thailandia si posiziona al primo posto – in tutto il sud-est asiatico – per quanto riguarda i metri quadrati venduti negli ultimi tre anni e per la superficie espositiva totale di circa 250.000 mq. Il settore fieristico in Thailandia è cresciuto di circa l’8% annuo negli ultimi dieci anni tanto che quest’anno si sono svolte 135 fiere internazionali.

“La Thailandia è un mercato in forte espansione, crocevia strategico per tutto il sudest asiatico. Un mercato importante, in cui la capacità di spesa della classe media è molto interessante, ma per “aggredire” un mercato così variegato e culturalmente diverso, è necessario muoversi correttamente e con il giusto supporto di un partner locale. Grazie all’intesa con TEA, i nostri associati avranno un accesso privilegiato e grandi opportunità di crescita” – aggiunge Riello.

I settori manifatturieri principali in Thailandia sono l’Automotive, IT & Electronics, Agricoltura e i cibi confezionati; alcune manifestazioni che si svolgono nel Paese, sono tra le più significative di tutto il Sud Est asiatico, come Metalex Asia (macchinari), Propak Asia (Packaging & food processing), VIV Asia (Allevamento), TRAFS (Franchise), Lab Asia (Strumenti per Laboratori). Particolarmente interessante il comparto delle tecnologie manifatturiere che registra performance sempre molto positive, in virtù del fatto che la Thailandia è il principale Paese manifatturiero ed esportatore del Sud-Est asiatico. Nel 2016 sono stati esportati prodotti per 200 milioni di dollari.

L’intesa ha come obbiettivo lo scambio di informazioni sulla situazione ed evoluzione dei due sistemi economici nonché sulle politiche fieristiche dei due Paesi; la condivisione di informazioni su prodotti, servizi e opportunità di partnership proposti da TEA e da AEFI; la reciproca assistenza, informazione e promozione delle rispettive manifestazioni fieristiche; l’organizzazione e la promozione di missioni, incontri e seminari per favorire l’attività di networking e l’avvio di nuovi contatti; la realizzazione di studi e ricerche su tematiche di comune interesse; la promozione della cooperazione commerciale attraverso tutti gli strumenti disponibili.

Sul fronte dell’internazionalizzazione, AEFI supporta gli associati grazie ad accordi con mercati strategici. Ad oggi sono state siglate partnership con Iran, Taiwan, Libano e India, con AmCham-American Chamber of Commerce in Italy e con CENTREX-International Exhibition Statistics Union. Un protocollo d’intesa è stato inoltre siglato con SACE e SIMEST. AEFI ha promosso la costituzione di ISFCert, l’Istituto di Certificazione dei Dati Statistici Fieristici, che attraverso rigorose metodologie consente agli organizzatori italiani di presentare e riconoscere dati standardizzati, in nome della trasparenza e garanzia.

Lascia un commento

Top