Ada Lovelace Day: celebriamo le donne e la scienza

donne

L’ Ada Lovelace Day (ALD) celebra a livello internazionale i successi ottenuti dalle donne nel campo delle scienze, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM), con l’obiettivo di ampliare le competenze femminili in ambito STEM e creare nuovi modelli che incoraggino sempre più ragazze a intraprendere questa carriera, ma anche supportando le professioniste che già operano nel settore.

Per celebrare l’Ada Lovelace Day, Xerox, che da sempre si impegna a favorire un ambiente di lavoro inclusivo, all’interno del quale ciascuno possa dare il proprio contributo e affermarsi in tutti i livelli aziendali, ha dato la parola a testimonial d’eccezione.

Chi è Ada Lovelace
Augusta Ada King-Noel, Contessa di Lovelace (nata Byron, 10 dicembre 1815 – 27 novembre 1852), matematica e scrittrice britannica, celebre soprattutto per il suo lavoro sull’ invenzione di Charles Babbage, il motore analitico, un primitivo computer meccanico general-purpose, che permetteva di svolgere compiti generici. Tra gli appunti scritti da Ada Lovelace sulla macchina di Babbage, è stato ritrovato quello che è considerato il primo algoritmo espressamente inteso e creato per essere elaborato da una macchina. Per questo, ancora oggi, Ada Lovelace viene considerata come la prima programmatrice di computer al mondo.

“Dal momento che l’Ada Lovelace Day pone i riflettori sui risultati delle donne nel settore STEM, è un argomento che ritengo il mondo del business debba costantemente tenere a mente. Oltre il 28% dei dirigenti e il 41% dei manager in Xerox sono donne e, come azienda leader nel campo della tecnologia, siamo orgogliosi di questo risultato. Tuttavia, sappiamo che quanto ottenuto non è sufficiente. L’estate scorsa abbiamo introdotto la Wilson Rule, in onore di Joseph Wilson, primo ceo di Xerox e una politica fortemente elogiata da Barack Obama che, insieme a iniziative a sostegno della diversità e dell’inclusione, richiede una maggiore inclusione delle donne all’interno della proposta finale di possibili candidati qualificati per posizioni aperte a livello manageriale”.
Monica Beltrametti, chief services research Officer di Xerox

“Quando si tratta di assicurarsi che alle donne vengano riconosciuti i loro meriti nel settore STEM, non è sufficiente valutare il loro successo basandosi su chi ha raggiunto i migliori traguardi nelle diverse organizzazioni. Dobbiamo invece assicurarci di valorizzare le donne in questo settore a livello interno, grazie al sostegno fornito da programmi e politiche di diversity management. E Xerox ha alle spalle una lunga storia di promozione della diversità di genere e dell’uguaglianza delle opportunità – ne sono un esempio il nostro CEO, ma anche molti altri leader donna che appartengono all’organizzazione”.
Naila Murray, manager of the Computer Vision Group, Xerox Research Centre Europe

Lascia un commento

Top