83 milioni per lo sviluppo rurale della Calabria

Ci sono oltre 83 milioni di euro per i primi quattro bandi del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Calabria relativi alle misure: 10 “Pagamenti agro-climatico-ambientali”; 11 “Agricoltura biologica”;
13 “Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici”; 14 “Benessere degli animali”.

La Misura 10 ha come obiettivi la conservazione e l’adozione di pratiche agricole che concorrono a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e/o che favoriscono la resilienza e l’adattamento degli ecosistemi. Sono previsti interventi finalizzati al recupero ed alla conservazione di razze in via di estinzione e di specie vegetali a rischio di erosione genetica. I destinatari del bando sono agricoltori o associazioni di agricoltori, che al momento del rilascio della domanda presentino i requisiti richiesti dal bando.

QUALI SONO GLI INTERVENTI DELLA MISURA 10

Intervento 10.01.01 – Produzione integrata (Euro 2.800.000)
Intervento 10.01.02 – Colture permanenti in aree d elevata vulnerabilità ambientale (Euro 9.000.000)
Intervento 10.01.03 – Preservazione della biodiversità: colture a perdere (Euro 200.000)
Intervento 10.01.04 – Conversione colturale da seminativi a pascolo, prato-pascolo, prato (Euro 1.000.000)
Intervento 10.01.05 – Difesa del suolo ed incremento sostanza organica (Euro 1.000.000)
Intervento 10.01.06 – Preservazione della biodiversità Cedro (Euro 100.000)
Intervento 10.01.07 – Preservazione della biodiversità Bergamotto (Euro 200.000)
Intervento 10.01.08 – Salvaguardia delle razze animali autoctone minacciate di abbandono e presenti sul territorio regionale (Euro 1.200.000).

Il campo di applicazione è esteso su tutto il territorio regionale, ad eccezione degli interventi 10.01.06 e 10.01.07 che, per le loro finalità, risultano destinati ai territori con coltivazione del cedro e del bergamotto.

QUALI SONO GLI INTERVENTI DELLA MISURA 11

La Misura 11 vuole incoraggiare gli agricoltori a introdurre e mantenere tecniche di coltivazione e di allevamento compatibili con l’ambiente ed in grado di agire a favore della mitigazione dei cambiamenti climatici. Con l’adozione e la diffusione delle tecniche dell’agricoltura biologica, la Regione Calabria punta ad assicurare un sistema di gestione delle tecniche agricole rispettoso degli ecosistemi e dei cicli naturali e mantenere o migliorare le condizioni del suolo, dell’acqua, delle piante e degli animali; salvaguardare la biodiversità animale e vegetale;
sostenere un uso responsabile delle risorse naturali (acqua, suolo, sostanza organica e aria); tendere alla produzione di una grande varietà di alimenti che rispondano alla domanda dei consumatori moderni.

Intervento 11.01.01 – Pagamenti per l’introduzione di metodi e pratiche biologiche, Intervento 11.02.01 – Pagamenti per il mantenimento di metodi e pratiche biologiche.

QUALI SONO GLI INTERVENTI DELLA MISURA 13

La Misura 13 ha l’obiettivo di garantire il presidio e la salvaguardia del territorio agricolo per assicurare la conservazione dell’ambiente naturale ed evitare l’abbandono delle zone interne, anche per evitare fenomeni di dissesto idrogeologico e mitigare il rischio di incendi. Il bando prevede la concessione di un’indennità a compensazione dei maggiori costi e dei minori ricavi causati dagli svantaggi naturali e/o da eventuali vincoli, in particolare in zone montane e in zone soggette a vincoli naturali significativi, diverse dalle zone montane.

Intervento – 13.01.01 – Indennità compensative a favore delle zone montane (Euro 7.000.000) Intervento – 13.02.01 – Indennità compensative a favore di altre aree altri vincoli naturali, diverse dalle aree montane (Euro 7.800.000)

QUALI SONO GLI INTERVENTI DELLA MISURA 14

Misura 14 – Benessere degli Animali (5 milioni)- La Misura 14 è finalizzata alla realizzazione di sistemi di allevamento che applichino standard di benessere animale più elevati rispetto all’ordinarietà praticata in Calabria e alle norme della condizionalità. Le azioni della Misura sono volte a ridurre in maniera significativa lo stress degli animali in relazione al contesto climatico, ambientale e territoriale nel quale insiste l’azienda zootecnica, attraverso un miglioramento delle condizioni di: acqua, mangimi e cura degli animali conformemente alle naturali necessità della zootecnia; stabulazione, maggiore spazio disponibile, pavimentazioni, materiali di arricchimento, luce naturale; accesso all’esterno. La Misura si applica su tutto il territorio regionale e dispone di risorse pari a 5 milioni di euro.

Per accedere ai bandi è necessario costituire il “Fascicolo unico aziendale” presso i CAA convenzionati con ARCEA, prima della presentazione della domanda di sostegno/pagamento. La domanda può essere presentata entro il termine del 16/05/2016, ma è ammesso un ritardo di 25 giorni di calendario, che comporta una riduzione dell’importo al quale il beneficiario avrebbe avuto diritto se avesse inoltrato la domanda in tempo utile (decurtazione dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo).

Lascia un commento

Top