Stampare parti del corpo umano non è più fantascienza
Il futuro della sanità va in scena con 3DPrint Hub

2014_PR_3D Print Hub_1“Stampare parti del corpo umano non è più un’idea futuribile. E’ ormai una realtà”. Lo dice Massimo Moretti, promotore del progetto Wasp che con le sue stampanti 3D sarà tra i protagonisti della tappa bolognese di 3DPrint Hub a Exposanità (Bologna Fiere, 21-24 maggio) per mostrare le applicazioni di questa tecnologia in ambito medicale. A dare il loro contributo oltre a CSP/Wasp, saranno anche Sharebot, Btek, Gimax3D, On/off officina di coworking, Scanny3D, Ecosanit, Proteo, Renishaw e Spring.A Exposanità, Wasp sarà presente con stampanti in grado di stampare modelli e ricostruzioni, per un’analisi preventiva dell’intervento, ma anche con stampanti per realizzare impianti reali. “Il nostro obiettivo è quello di presentare agli operatori macchine a prezzo abbordabile perché siamo convinti che sia possibile connettere il mondo dei Fab Lab, con il mondo professionale per realizzare nuove sperimentazioni”, spiega Massimo Moretti. Dello stesso parere i giovani maker di Sharebot, che saranno presenti con le loro stampanti per mostrare come sis possibile eliminare molti passaggi, velocizzare la realizzazione dello stampo e della parte da implementare.

“L’Italia inizia a muoversi”, commenta Matteo Abbiati di Sharebot. “Soprattutto per quanto riguarda la ricerca sui diversi materiali. In questo momento c’è un grosso gap tra quello che dicono teoricamente le aziende che producono materiali e quello che poi concretamente si riesce a fare con questi materiali”. Per l’ambito medicale la sfida si gioca sul fronte della ricerca sui materiali per la stampa 3D con l’obiettivo di rendere impiantabile, e quindi compatibile con il corpo umano, ciò che viene stampato.

“Attualmente si usano le ceramiche, il polimetilmetacrilato, i pic che sono dei polimeri stabili, e il caprolactone un materiale che si riassorbe all’interno del corpo umano in sei mesi”, racconta Moretti. “Anche se con alcune tecniche particolari è possibile accelerare questo processo combinando la parte d’osso con il caprolactone e ottenere in laboratorio un osso da impiantare. Tecniche che stanno riscontrando un rapido successo, così come la stampa di materiali organici, dove su supporti cartilaginei stampati in 3D vengono coltivate cellule staminali per dar vita ad una parte che sia della stessa materia del corpo del paziente. Le strade sono affascinanti: stampare pezzi del corpo umano non è più una cosa del futuro”. sharebotproUn futuro prossimo, dato che tra gli operatori comincia a aumentare l’interesse per le potenzialità di questa tecnologia.

Anche se con alcune difficoltà, come ben spiega Massimo Moretti: “Nel mondo della sanità c’è un grosso muro legato al fatto della certificazione delle cose. Noi, le prime protesi le abbiamo stampate 8 anni fa, poi ci siamo fermati perché per certificare il lavoro fatto ci volevano almeno 200 mila euro circa di investimento per fare le prove sul paziente. C’è quindi la necessità di abbattere quelle barriere non completamente logiche e aiutare a livello burocratico le start up o i nuovi ricercatori che hanno tutte le competenze per fare questa cosa, per fare reale innovazione. Quando si passerà questa soglia, ci sarà una ricaduta molto veloce”. Una rivoluzione che per diventare effettiva deve passare dalla formazione: “Bisogna partire dalle scuole, per formare i futuri professionisti delle aziende. Sarà importante avere delle persone in grado di far funzionare le macchine”, conclude Abbiati di Sharebot. Per tutte le informazioni sulla tappa di Bologna del roadshow di 3DPrint Hub: www.3dprinthub.it/bologna2014

Lascia un commento

Top