Cellnex rinnova la collaborazione con Sirti in Italia

torre_telefonia

Cellnex Telecom – leader europeo nelle torri per tlc e broadcasting – rinnova il contratto di collaborazione con SIRTI, specializzata nella progettazione, realizzazione e manutenzione delle infrastrutture di rete.

L’accordo della durata di un anno, con clausola di rinnovo automatico, prevede la manutenzione dell’intero portfolio di torri di Tlc di Cellnex in Italia, composto da più di 7.400 siti. Questa collaborazione rafforza e dà continuità al rapporto già in essere da anni con Cellnex Italia (Galata). Saranno oltre 1.500 i tecnici SIRTI (ceo Stefano Lorenzi) ,impegnati sulla rete di torri Tlc presenti su tutto il territorio italiano.

“Con questo accordo”, spiegano Walter Spera e Gianluca Landolina, ad di TowerCo e Galata, le società di Cellnex Italia, “Cellnex riconosce la specializzazione e la qualità dei servizi offerti da SIRTI nel campo della manutenzione delle infrastrutture per le Tlc. Allo stesso tempo conferma l’impegno del nostro gruppo nel rivestire un ruolo trainante nel settore Tlc in Italia, promuovendo la creazione di posti di lavoro di alto profilo, oltre alla creazione di valore aggiunto per il Paese attraverso un ecosistema di partner industriali di eccellenza”.

Dopo la separazione da Abertis Infrastrutture e la quotazione in Borsa della società il 7 maggio 2015 Cellinex ha visto crescere i ricavi a 613 milioni di euro e una crescita dell’Ebitda ricorrente a 235 milioni. Il risultato netto è stato di 48 milioni di euro. Il 35% dei ricavi di Cellnex si generano in Italia. Dopo l’acquisizione nel marzo 2015 del portafoglio delle torri di telecomunicazioni di Wind in Italia, Cellnex Telecom è diventata l’operatore d’infrastrutture di telecomunicazioni indipendente leader in Europa, con un totale di 15.119 torri. Cellnex è presente in tre aree di attività: infrastrutture per la telefonia mobile; reti di diffusione audiovisiva; e servizi di reti di sicurezza, emergenza e soluzioni per la gestione intelligente delle infrastrutture e servizi urbani (Smart Cities e “Internet delle cose” (IoT)).

Lascia un commento

Top